Ambiente e TerritorioPrimo Piano

Blue Sea Land, la ripartenza del Sud-Est Asiatico: innovazione, sostenibilità e capacità di resilienza

Ad aprire il convegno il Presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu, Nino Carlino

Parte il primo convegno di questa mattina, 28 ottobre 2021, in merito alla X edizione di Blue Sea Land. L’Italia il 9 settembre 2020 è stata designata come partner di sviluppo dell’ASEAN (Associazione delle nazioni del sud-est asiatico) e si trova in una posizione favorevole per confermare il proprio impegno nella regione del Sud-Est asiatico e per partecipare alla ripresa economica post-pandemia. Lo speciale status acquisito dal nostro Paese comporterà la realizzazione in comune di progetti e programmi di collaborazione in vari settori identificati nel corso di un Comitato congiunto che si è riunito per la prima volta lo scorso aprile.

Tra tali settori rientrano quello agricolo e ambientale. Quest’ultimi messi a dura prova dalla pandemia e che nei prossimi anni saranno interessati da processi di riforma per poter tornare a trainare l’economia. Il progetto si chiama “La ripartenza nel Sud-Est Asiatico: innovazione, sostenibilità è capacità di resilienza”. Le tematiche sul tavolo sono sostenibilità ambientale e rigenerazione delle risorse marine e ittiche con un ruolo di primo piano anche dell’Italia.

Ad aprire il convegno il Presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu, Nino Carlino. “Il distretto pesca e le aziende del distretto pesca hanno tutte l’interesse a creare rapporti di cooperazione con i paesi dell’Asia. Ciò non con lo spirito della colonizzazione ma della collaborazione fra Paesi. Vorrei che questo convengo gettasse le basi per poter fare di più”.

blue sea land

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button