Primo Piano

TROPPI SUICIDI IN CARCERE – SUBITO IL GARANTE COMUNALE DEI DIRITTI DEI DETENUTI

QUESTO L’APPELLO DEL COMITATO ESISTONO I DIRITTI AL SINDACO LAGALLA

Carceri troppo affollate e dati drammatici sul numero di suicidi dietro le sbarre: è quanto denuncia il  Comitato Esistono i Diritti, Comitato transpartitico.

Il periodo elettorale era certamente un momento propizio, sfuggito di mano a quanti credono ancora che il carcere sia solo questione di (non) consensi, per affrontare in maniera definitiva quello che è ormai costituisce un problema endemico: il sovraffollamento delle carceri.

Nel rapporto di metà anno sulle condizioni detentive nei penitenziari italiani, condotto dall’associazione Antigone, sono  53 i casi di suicidio all’interno delle mura carcerarie; pochi in meno rispetto a quelli registrati complessivamente l’anno precedente, pari a 61.

L’istituto dove sono avvenuti più casi di suicidio dall’inizio dell’anno è la casa circondariale di Foggia con quattro decessi. Seguono con tre suicidi ognuno, le Casi Circondariali di Milano San Vittore, Monza e Roma Regina Coeli. Con due suicidi vi sono poi la casa di reclusione di Palermo Ucciardone e le case circondariali di Ascoli Piceno, Genova Marassi, Pavia, Piacenza, Terni, Torino.

Il nostro Paese si conferma tra quelli con le carceri più affollate dell’Unione Europea, secondo solo a Romania, Grecia, Cipro e Belgio.

Secondo i dati aggiornati al 30 giugno scorso, il tasso di affollamento ufficiale delle carceri italiane è del 107,7%, con 54.841 detenuti presenti a fronte di una capienza regolamentare di 50.900 posti, ma, come rileva l’associazione Antigone, nei vari istituti sul territorio nazionale ci sono al momento 3.665 posti non disponibili: il sovraffollamento effettivo sale, dunque, al 112% e il 25% dei penitenziari supera il 150%, con picchi oltre il 190% a Latina e Milano San Vittore.

I detenuti in attesa di primo giudizio restano in custodia cautelare nelle carceri italiane mediamente 7,6 mesi, dove la media nell’Unione Europea è pari a 5,2. Guardando al personale, se mediamente nelle carceri dell’Unione Europea vi è un poliziotto ogni 3,9 detenuti, in Italia ogni poliziotto deve occuparsi di solo 1,6 detenuti.

Per quanto invece riguarda il personale che si occupa delle attività dei detenuti, esso è il 3,6% del personale che fa capo alle amministrazioni penitenziarie in Unione Europea, mentre in Italia è il 2%.

Carenti anche nelle nostre carceri gli specialisti psichiatri e psicologi rispetto alla media nazionale. Sia nel 2021 che nel 2022, la media si attesta intorno alle 10 ore settimanali ogni 100 detenuti per gli psichiatri e intorno alle 20 ore settimanali ogni 100 detenuti per gli psicologi. Gli ultimi dati disponibili mostrano ad esempio che  Palermo , Monza e Foggia hanno una presenza molto inferiore di entrambi gli specialisti (Palermo5,1 ore gli psichiatri, 5,1 ore gli psicologi; Monza: 6,4 ore gli psichiatri, 9,6 ore gli psicologi; Foggia: 3,4 ore gli psichiatri; 10 ore gli psicologi).

Come  dichiara Gaetano D’Amico, fondatore e copresidente del Comitato Esistono i Diritti “In tutta Italia, Sicilia compresa,  si registrano condizioni inumane e degradanti, assenza di risorse e la perdurante prevalenza di una visione carcerocentrica che finiscono per annientare, già in partenza, il principio costituzionale che imprime al carcere, e più in generale ad ogni modalità di espiazione della pena, una finalità rieducativa”.

Continua D’Amico “Il nostro appello al  Sindaco di palermo Prof. Lagalla  è quello di dar vita alla nomina urgente del  Garante comunale dei diritti dei detenuti, figura  atta a coadiuvare il Garante regionale Prof. Giovanni Fiandaca; abbiamo già chiesto e sollecitato un incontro che speriamo avvenga presto“.

 

Caterina Guercio

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button