CronacaPrimo Piano

Palermo, Tari: nessun aumento di tariffa. Sui social: “Se scattava l’aumento era guerra civile”

Ma resta il problema rifiuti, ovvero l'azienda RAP

Palermo, Tari: nessun aumento di tariffa. In molti hanno detto sui social “ci mancava pure l’aumento della Tari per far scoppiare la guerra civile a Palermo. La città è sporca ed abbandonata a se stessa e il Comune cosa pensava? di aumentare la TARI? Sono indegni! Dovrebbero pagare i danni ai cittadini per servizi mai erogati e rischio salute pubblica. Ad ogni modo, speriamo che questa classe politica inadeguata vadi via perchè sono scarsi e pericolosi”

 

“La buona notizia per le famiglie palermitane – dichiara Antonino Randazzo consigliere comunale del M5S –  è che non si registrerà alcun aumento sulle tariffe della Tari, che resteranno quindi invariate rispetto alle quote degli ultimi due anni e questo perché il Consiglio comunale non ha votato la delibera inerente il 2021 entro il 31 luglio, termine ultimo stabilito per legge. Tuttavia sono alquanto preoccupato per la futura stabilità della partecipata Rap perchè la sensazione è che dietro a queste “non” scelte da parte di alcuni gruppi consiliari, specie del centrodestra, ci sia celata una manovra che mira a dar vita ad un progetto di privatizzazione della Rap che rappresenterebbe una svendita di fine stagione del servizio pubblico che privilegerebbe solo le società private e i loro profitti a scapito della comunità, lontana, quindi, dalla nostra visione politica e di una gestione pubblica dei rifiuti urbani”.

Articoli Correlati

3 Commenti

  1. pregiudicati, giacy e maullixio minacciano ingiuriano vicchy in strada e terempulla petronilli...se la credono a solo ha detto:

    io sono testimone

  2. giacy e maullixio e compagnia simulano reato per strada con amici e parenti e simuli loschi figuri... ha detto:

    se aumentava manifestavo in piazza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button