CronacaPrimo Piano

Palermo: incidente mortale in via Crispi alla CALA

Devastata la famiglia della vittima 

Palermo, 09 ottobre, 2020 alle 04.00

Un gravissimo incidente stradale ha avuto luogo, nel tratto di Francesco Crispi tra il mercato Ittico e la sede de ilmoderatore.it,  Un motore con un giovane a bordo è stato travolto da un auto a forte velocità.

 

Nello specifico – dal racconto – sembrerebbe che una Smart a forte velocità ha investito una moto con a bordo un giovane 40enne di Ficarazzi che si apprestava ad andare a lavoro.

Il quartiere si è svegliato malamente tra le urla della vittima e quelle degli abitanti della zona, che immediatamente chiamavano i socccorsi.

L’arrivo dell’ambulanza e delle forze dell’ordine non si sono fatti attendere, ma la sitguazione è apparsa subito molto grave, tant’è che il giovane 40enne non ce l’ha fatta.

Il conducente della Smart che ha investito il giovane si è dileguato senza fermarsi per dare soccorso. L’autore ha continuato la sua cora introducendosi nella via Bivona, parallela di via Crispi, nell’intento di evitare telecamere e occhi indiscreti.

Tuttavia la Polizia ha già preso contatto con i residenti del Palazzo dove sono presenti diverse telecamere oltre  quelle della Cala e via Crispi compresa.

L’autore dell’incidente stradale non solo ha commesso il fatto, ma ha anche omesso di soccorrere la vittima accentuando con ciò il disvalore della sua condotta.

La polizia ha già dato il via alle indagini , ma quello che rimane è certamente una famiglia devastata in un niente.

Articoli Correlati

4 Commenti

  1. Giacy bocca di fogna e maullixio...e simile losche soggette...industria..simulano reato e fanno bullismi...Petronilli... ha detto:

    Povera gente…

  2. Giacy bocca di fogna e maullixio...e simile losche soggette...industria..simulano reato e fanno bullismi...Petronilli... ha detto:

    Io sono testimone….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button