CronacaPrimo Piano

Palermo, Gelarda- Caronia: Sul Cimitero stanchi delle solite chiacchiere

Gelarda- Caronia: Sul Cimitero stanchi delle solite chiacchiere. Orlando abbia scatto d’orgoglio e si dimetta

 

“Continuiamo a sentire le solite inaccettabili chiacchiere sul cimitero. Dapprima la presentazione di un cronoprogramma che noi sapevamo benissimo non sarebbe mai potuto essere rispettato- dichiarano il capogruppo della Lega Igor Gelarda e la deputata regionale e consigliere comunale Marianna Caronia. Perché conosciamo bene gli attori di questo dramma che ha come vittime i palermitani ed i loro defunti. Adesso, dopo oltre un anno e mezzo di vergogna il Sindaco Orlando ha deciso di chiedere soldi al governo centrale. Una richiesta tardiva e confusa, quando ormai la vergogna ha valicato i confini nazionali e siamo diventati un esempio negativo per tutta Europa. Sono mesi che sentiamo dire che si potrebbero sistemare alcune salme qui, altre lì come se si trattasse di oggetti qualsiasi. La verità è che il Sindaco ha fallito completamente e su tutta la linea sulla vicenda cimitero. Esattamente di come ha fallito su tutto il resto. Solo che a vivere in una città piena di spazzatura e senza manutenzione stradale i palermitani sono ormai, loro malgrado, abituati. Mentre è impossibile accettare centinaia di salme, esseri umani, messi a deposito. Adesso si parla di soluzioni ad un anno, quando Orlando non ci sarà già più e sarà solo un triste ricordo per la città e per il cimitero dei Rotoli. Dell’unica vera soluzione al problema ossia il nuovo cimitero non se ne parla, se non in modo assolutamente inadeguato e con la massima lentezza immaginabile. Mentre come Lega siamo l’unico partito che, attraverso Matteo Salvini, abbiamo chiesto il commissariamento dell’emergenza cimiteri prima che l’emergenza sanitaria diventi grave, concludono Gelarda e Caronia”

Articoli Correlati

Un commento

  1. ew 131 camionisti circonvenzionatori, petronilli minacciosi, calamiggnatto 58, il puffo fortuto insulso ha detto:

    il male sta spesso dove meno te lo aspetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button