Prendo quotaPrimo Piano

Milite Ignoto: a Palermo una staffetta per il 100° anniversario della traslazione della salma

Nell’ambito delle iniziative tese alla celebrazione del “100° anniversario della traslazione della salma del Milite Ignoto”, per rievocare lo storico viaggio della salma del soldato sconosciuto divenuto simbolo dei tanti caduti durante la Prima Guerra Mondiale, il Comando Forze Operative Sud ha organizzato, nelle giornate del 26 e 27 ottobre 2021, una manifestazione sportiva/addestrativa non competitiva denominata “Una staffetta per il Milite Ignoto”.

Altare della Patria Foto Fabio Gigante

L’evento, che avrà la durata di 24 ore, si svolgerà in contemporanea nelle città in cui hanno sede alcuni comandi e i reparti dipendenti dal COMFOP SUD ovvero Napoli, Capua, Caserta, Salerno, Battipaglia, Eboli, Cagliari, Sassari, Macomer, Capo Teulada, Palermo, Messina, Catania, Trapani, Bari, Foggia, Trani, Barletta, Lecce, Altamura, Catanzaro, Cosenza, Potenza, Roma, Spoleto. A Palermo, l’evento è stato organizzato dal Comando Militare dell’Esercito in Sicilia, con il pieno coinvolgimento dei reggimenti di stanza in città. Dopo la rituale cerimonia dell’alzabandiera sulle scalinate del Teatro Massimo, alle 10.00 di martedì 26 ottobre la staffetta partirà da Piazza Verdi, in direzione dei Quattro Canti e lungo il Cassaro fino alla Cattedrale per poi tornare al punto di partenza lungo lo stesso itinerario. Alla staffetta parteciperanno i militari di ogni reparto, oltre a tesserati di ASD e simpatizzanti, con l’auspicio di coinvolgere e raccogliere tutta la cittadinanza intorno all’Esercito nel Centenario della traslazione e della solenne tumulazione del Milite Ignoto. In questo periodo di pandemia e di diffuse sofferenze ricordare il Milite Ignoto significa onorare tutti coloro che sono stati e sono in prima linea a lottare un nemico per il bene dei cittadini e del Paese

Le 11 bare dei Militi

Dopo la 1ª Guerra Mondiale, le Nazioni che avevano partecipato al conflitto vollero onorare i sacrifici e gli eroismi delle collettività nella salma di un anonimo combattente caduto con le armi in pugno. In quest’ambito, l’Italia scelse una sola salma che rappresentasse il sacrificio di seicentomila compatrioti. Così, il 4 novembre 1921 il Milite Ignoto veniva tumulato nel sacello posto sull’Altare della Patria e gli fu concessa la medaglia d’oro con la seguente motivazione: “Degno figlio di una stirpe prode e di una millenaria civiltà, resistette inflessibile nelle trincee più contese, prodigò il suo coraggio nelle più cruente battaglie e cadde combattendo senz’altro premio sperare che la vittoria e la grandezza della patria.”

Fabio Gigante

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button