PoliticaPrimo Piano

LA REGIONE LICENZIA LO STATO (di G. Pizzo)

 

La vicenda è saporita, la Regione Siciliana con una lettera ai dirigenti generali, firmata dal Presidente, diniega agli stessi di intrattenere rapporti con il Formez PA, braccio secolare dello Stato per l’assistenza tecnica agli enti locali.

A primo acchito sembra un gesto di autonomia, parola perduta da tempo in Sicilia, un gesto di fare a meno dello Stato.

Per chi non è addetto ai lavori spieghiamo che il Formez ed altre società di assistenza tecnica svolgono ormai da anni una buona parte del lavoro di fascia medio alta dell’amministrazione siciliana, sopperendo alle falle in organico causate dal blocco delle assunzioni. Ricordiamo che la Regione Siciliana non fa un concorso dal 1994 ed è pertanto molto vrcchia e poco funzionale, altro che digitale e Next Generation.

Pare che la cosa sia anche un siluro alla smodata ambizione di un potenziale concorrente alla Presidenza quale Roberto Lagalla.

E già qui l’autonomia alla Finocchiaro Aprile si derubrica a feudalesimo interno.
Ma quello che mette la pietra tombale allo scatto d’orgoglio è l’eventuale soluzione per la sostituzione del Formez. Una società in “House” della Regione.

Tutto gli indizi portano verso la Sas, partecipata regionale che fornisce servizi alla macchina regionale, regno incontrastato del vero padrone del vapore al momento, Riccardo Savona.
Il presidente della commissione bilancio dell’Ars in questo periodo di vacche magre, e proprio per questo, tiene in mano i pochi denari che puntellano la Regione e le società collegate ad essa. È diventato, pur discusso per le sue vicende, il dominus del potere. Meno soldi ci sono più cresce il potere di chi ne dispone, e lui da ex bancario conosce il gioco.

Di fatto ha in mano il Parlamento e la Regione.

Come i diocuri Andreottiani, e da quelle fila lui proviene, che per anni hanno gestito le commissioni bilancio del Parlamento nazionale.

Bisogna però stare attenti perché se le vacche diventano troppo magre tutto può andare in vacca.

(di Giovanni Pizzo)

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button