CronacaPrimo Piano

Green pass: divieto per il personale militare di Sigonella di fruire delle mense obbligatorie di servizio

NO VACCINO, NO MENSA

VESSAZIONI ALLA MENSA DELL’AEROPORTO DI SIGONELLA: IL PERSONALE SENZA GREEN PASS SI PORTI DA CASA L’ACQUA E I CONTENITORI DELLE PIETANZE. LA DENUNCIA DEL SIAM

 

La Sezione di Sigonella del Sindacato Aeronautica Militare denuncia il grave stato di mortificazione a cui è sottoposto il personale privo di Green Pass in servizio all’aeroporto militare di Sigonella, al quale viene imposto il divieto di accesso alla mensa di servizio. A questi colleghi, come sostitutivo del pasto presso la mensa, non solo vengono forniti dei sacchetti estremamente miseri dal punto di vista alimentare, ben diversamente da quanto viene erogato a quanti possono accedere alla mensa, ma viene negata anche l’acqua. A meno che non si accetti di condividere una bottiglia grande con altre due persone, in spregio alle norme anti contagio.

Non bastasse è stato detto loro che se vogliono le medesime pietanze servite a mensa, devono portarsi da casa i contenitori in cui metterle.

Questo stato di cose è assolutamente inaccettabile perché è vergognoso che il personale militare che è al servizio del paese sia trattato come appestato e figli di un dio minore solo perché non hanno ritenuto opportuno sottoporsi ad un vaccino che, ricordiamo, è assolutamente facoltativo.

Il SIAM è affianco a questi colleghi che hanno pieno diritto al rispetto ed alle tutele previste. Basta azioni vessatorie nei loro confronti! Si esca dall’equivoco una volta per tutti, se questa vaccinazione è obbligatoria, nell’interesse di tutti, chi di dovere lo stabilisca una volta per tutte assumendosene le responsabilità!

Articoli Correlati

Un commento

  1. ew131 camionisti simulatori di reato, calamiggnatto 58, petronilli mincciosi, e stalkers in passeggio ha detto:

    il green pass non serve a nulla abolitelo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button