Economia e LavoroPrimo Piano

Forniture e apparecchiature italiane in 3 nuovi ospedali in Angola con il supporto di UniCredit, SACE e SIMEST

Tre ospedali per un totale di 400 posti letto a Cabinda, Luena e Huambo grazie al finanziamento di UniCredit per 222 milioni di euro in favore del Ministero delle Finanze della Repubblica dell’Angola, garantito da SACE e con la stabilizzazione del tasso e il contributo in conto interessi di SIMEST.

Le iniziative risultano significative per l’economia italiana: oltre a rappresentare i primi progetti che saranno realizzati da Vamed Health Projects Italy, azienda italiana attiva nella progettazione, costruzione, fornitura di sistemi e attrezzature biomedicali per progetti ospedalieri chiavi in mano, coinvolgeranno per la maggior parte sub-fornitori italiani.

Dallo scorso anno a oggi SACE ha organizzato 2 iniziative di business matching con Vamed Health Projects Italy, coinvolgendo circa 60 aziende italiane e facilitando 35 incontri B2B tra la controparte e produttori di attrezzature biomedicali oltre che attive nella formazione del personale e messa in servizio e avviamento delle strutture per incrementare il contenuto italiano della commessa.

Forniture e apparecchiature mediche Made in Italy oltre alla formazione del personale in tre ospedali in Angola grazie al finanziamento di UniCredit (unico finanziatore), alla copertura assicurativa di SACE e al contributo all’export di SIMEST.

Si tratta di un progetto il cui finanziamento di 222 milioni di euro erogato da UniCredit, garantito da SACE e con stabilizzazione del tasso e il contributo agli interessi da parte di SIMEST, è relativo a tre contratti sottoscritti da Vamed Health Projects Italy in relazione a tre nuovi ospedali nelle regioni di Cabinda, Luena e Huambo, in Angola.

La società è attiva nel settore ospedaliero per la progettazione, costruzione, design, fornitura di sistemi e apparecchiature medicali per progetti ospedalieri chiavi in ​​mano, ma anche nella formazione del personale e messa in servizio e avviamento delle strutture.

Oltre la metà delle imprese coinvolte sarà italiana e dallo scorso anno a oggi SACE ha organizzato 2 iniziative di business matching con Vamed Health Projects Italy, società italiana attiva nella progettazione, costruzione, fornitura di sistemi e attrezzature biomedicali per progetti ospedalieri chiavi in mano, coinvolgendo circa 60 aziende italiane e facilitando 35 incontri B2B tra la controparte e produttori di attrezzature mediche quali diagnostica, raggi X, materiali da laboratorio e di impiantistica meccanica, elettrica e idraulica, ma anche aziende attive nella formazione del personale e messa in servizio e avviamento delle strutture per incrementare il contenuto italiano della commessa. La società è stata fondata nel 2017 a Firenze e insieme alla Hospital Consulting con sede a Bagno di Ripoli fa parte del Gruppo Vamed, attivo nel settore ospedaliero principalmente in Europa, Asia, Africa, Middle East e America Latina attraverso filiali dislocate in 40 Paesi.

L’Angola presenta un profilo di rischio in miglioramento. Si prevede infatti che la sua economia torni a crescere significativamente già a partire da quest’anno, anche grazie alle riforme che stanno portando a un consolidamento dei conti pubblici. La ripresa attesa e il supporto ricevuto dalle istituzioni finanziarie internazionali rappresentano i principali elementi positivi per lo scenario economico-finanziario del Paese, che ha beneficiato a inizio anno di un upgrade da parte delle principali agenzie di rating.

Il Fondo Monetario Internazionale ha inoltre recentemente confermato il giudizio di sostenibilità del debito alla luce degli esiti positivi della review periodica, mentre il programma triennale si è concluso positivamente a dicembre 2021 con fondi complessivamente erogati per USD 4,5 miliardi.

“Siamo molto lieti di partecipare ai progetti di realizzazione di tre nuovi ospedali in un’ottica di miglioramento delle condizioni sanitarie di un Paese come l’Angola che presenta una situazione economica critica già da qualche annoseppur in miglioramento – ha dichiarato Daniela Cataudella, Responsabile Political & Sovereign di SACE – E ancora di più perché, lavorando in sinergia con UniCredit e SIMEST, siamo al fianco delle imprese italiane che parteciperanno ai progetti trasmettendo know-how e prodotti di qualità, tratti distintivi del Made in Italy”.

“L’intervento di SIMEST a sostegno di questo importante finanziamento – dichiara Carolina Lonetti, Chief Export Finance & Internationalization Officer di SIMEST– conferma il nostro impegno costante per la competitività delle imprese italiane, in sinergia con SACE e con il sistema bancario. L’operazione comunicata oggi assume dunque una doppia valenza: supporta il tessuto produttivo nazionale e contribuisce alla realizzazione di opere infrastrutturali strategiche per il miglioramento delle condizioni economiche e sociali di un Paese in via di sviluppo come l’Angola”.

“Il finanziamento di questi progetti da parte di UniCredit è pienamente in linea con l’attività della banca a sostegno delle aziende Italiane impegnate all’estero – ha dichiarato Francesca Beomonte, Global Head of Structured Trade & Export Finance di UniCredit -. Considerando inoltre che i progetti mirano al miglioramento dell’offerta medico-sanitaria a servizio di aree geografiche densamente popolate e in fase di sviluppo, c’è piena coerenza con il nostro piano UniCredit Unlocked, improntato a fornire ai clienti strumenti adeguati e a sostenere progetti di investimento con impatto sociale positivo”.

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com