Arte e Cultura

Conclusa la II edizione di LURT – Laboratorio Umano di Rigenerazione Territoriale

Conclusa la II edizione di LURT – Laboratorio Umano di Rigenerazione Territoriale.

 

La Summerschool del Servizio Cristiano – Istituto Valdese con 60 partecipanti è stata cantiere di comunità e memoria.

 

Completato il recupero del primo piano del bene confiscato. Programmata già la III edizione della scuola.

 

Si è conclusa sabato 29 agosto la Summer School di Riesi (CL) durata 7 giorni e dedicata allo spazio, alla comunità e alla memoria. Ai laboratori e alle iniziative hanno partecipato 40 abitanti temporanei e 20 locali tutti provvisti di green pass, come previsto dalla normativa per gli eventi culturali.

 

“Vale la pena, scrive Giulio Wilson ed io faccio mie queste parole. Ne valeva la pena – afferma il direttore del Servizio Cristiano, Gianluca Fiusco – già lo scorso anno quando, in piena pandemia, insieme ad Emanuele Piccardo ci siamo messi in movimento per il LURT; ne è valsa la pena i giorni scorsi, con una strepitosa seconda edizione. E oggi aver cominciato il cammino verso la terza edizione. Nel rigenerare le Comunità abbiamo creato nuove comunità, di uomini, donne, bambini, di ragazzi e ragazze, dalle spalle e sorrisi larghi, che, incontrandosi, hanno incontrato: l’altro, l’altra, i luoghi, le possibilità. E tutto questo a Riesi! Chiedetevi sempre “dove è Riesi?” Perché il contesto farà sempre la differenza. E Riesi, luogo complesso e difficilissimo, perciò bellissimo e carico di possibilità, ha un motore che è il Servizio Cristiano. Luogo che, alla vigilia dei suoi primi 60 anni, in cui l’utopia del mondo nuovo incarnata dalle e nelle architetture di Leonardo Ricci e nell’opera di Tullio Vinay, diviene il qui ed ora che spazza via ogni vaneggiamento, si trasforma in una sfrontata forma di resistenza e avanzamento che le persone possono partecipare a costruire. Vale la pena – conclude Fiusco – perché «costruire è sempre meglio che distruggere»”.

 

La summerschool di Servizio Cristiano, curata dall’Associazione Culturale “Coltivatori di bellezza”, è stata un’occasione preziosa per il territorio: i laboratori, oltre che al Villaggio Monte degli Ulivi dell’arch. Leonardo Ricci, si sono svolti anche nel bene confiscato nel paese di Riesi assegnato al Servizio Cristiano già alcuni anni fa.

Quest’anno è stato ultimato da CivicoCivico! di Orizzontale – studio laboratorio di architettura il recupero del primo piano del bene confiscato avviato nella scorsa edizione.

 

I laboratori che si sono alternati nei 7 giorni sono stati ideati ed organizzati lavorando su nuovi modelli di democrazia e per imparare a farsi abitanti e sono stati un importante momento di condivisione, di co-progettazione e di animazione umana e territoriale.

 

“La Stanza per guardare le stelle” e “La Stanza della lettura” sono i progetti realizzati nel laboratorio di Autocostruzione diretto da Marco Terranova – spiega Maria Pia Erice di Coltivatori di bellezza – e raccontano un modo necessario di progettare per i luoghi: insieme con l’umanità che vive e partecipa attraverso un processo di ricerca e confronto. Queste “pratiche necessarie” sono state il campo d’azione su cui hanno lavorato i laboratori di Service Design e Community Building, strumenti indispensabili quando si parla di luoghi/spazi da rigenerare. Abbiamo scelto di mettere al centro le parole, le storie, il racconto di un entroterra che sembra “cristallizzato” nelle sue fragilità e che vogliamo riportare in movimento attraverso la bellezza della contaminazione”.

 

La summerschool – una vera e propria residenza formativa e di ricerca – è stata centrata su 3 temi: lo spazio, la comunità e la memoria. Sono stati 4 i laboratori: sul Service Design “Risvegliare l’utopia” curato da Maria Cristina Lavazza e Luisa Carrada; Community Building “Costruire reti di comunità e relazioni con il territorio” curato da Elisabetta Caruso e dell’Associazione BitMup, Au-tocostruzione le “Stanze dello Scirocco” curato da Marco Terranova; CivicoCivico! di Orizzontale – studio laboratorio di architettura che ha continuato il lavoro di recupero del bene confiscato e VIA D’USCITA|WAY OUT di Flora La Sita che ha lavorato sulla rigenerazione degli spazi attraverso il gioco.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button