CronacaPrimo Piano

Cimiteri, ancora nulla. Orlando “bara” per rimanere in tema. Intervenga Prefetto e ROMA.

[Comune Palermo] Cimiteri, Chinnici (Iv): “Da Orlando solito bluff, intervenga Roma”

 

Il Sindaco è sempre più impegnato a dare premi e cotillon per far dimenticare i guai di casa sua, ovvero Palermo.

 

Chiaramente Orlando “bara” per rimanere in tema di bare, giocando a carte truccate. Lui che il Sindaco l’ha saputo fare, appunto (l’ha) un tempo fa, continua a essere “per i fatti suoi” evita di entrare nel merito delle cose “incompiute” da fare e che ormai (mettiamoci il cuore in pace e pure in guerra) non farà più.

Cimiteri, monnezza, acqua non umana, ponti rotti, strade allagate e varie ed eventuali non sono più temi che riguardano il governo cittadino a guida Orlando e roba di “destra”, Lui ormai guarda ad altro, probabilmente teme di rimanere solo come oggi solo è poichè una volta lasciata Palermo e probabile che anche Palermo lascerà Orlando.

Ecco dunque che dal Comune di Palermo arriva un segnale di fumo attraverso questa nota stampa:

Si è svolto questa mattina a Palazzo delle Aquile un tavolo tecnico, presieduto dal sindaco Leoluca Orlando, per individuare soluzioni informatiche e organizzative che compensino la mancanza di personale necessario all’istruzione delle pratiche presso gli Uffici dei Servizi Cimiteriali, azioni utili anche al trasferimento al cimitero di Sant’Orsola e ai tempi crematori delle salme in deposito al cimitero dei Rotoli.

All’incontro, presenti anche gli assessori Toni Sala, Paolo Petralia Camassa, il capo di gabinetto Sergio Pollicita, il presidente della Sispi Cesare Lapiana e alcuni rappresentanti delle onoranze funebri è stato occasione per confermare e aggiornare le soluzioni del cronoprogramma che prevede interventi e misure nel breve e medio periodo finalizzate a riportare la situazione dei cimiteri alla normalità. Si è discusso, dunque, dei problemi di destinazione delle salme che non hanno un loculo ricordando che “il diritto al seppellimento – ha sottolineato l’assessore Sala – è fondamentale e l’amministrazione sta lavorando quotidianamente per uscire da un’emergenza drammatica per tutta la città”.

Per il sindaco Leoluca Orlando l’incontro di questa mattina “conferma, oltre all’impegno mai venuto meno dell’amministrazione comunale per fronteggiare l’emergenza cimiteriale, la sinergia con tutte le parti chiamate in causa per risolvere il problema. Le soluzioni di tipo digitale a cui l’amministrazione sta lavorando costituiscono un ulteriore passo in avanti”.

Ma sui cimiteri Italia VIva incalza:

“Per risolvere l’emergenza cimiteri a Palermo serve un vero intervento del Governo nazionale e dell’Esercito, così come chiesto dal Consiglio comunale, non pannicelli caldi che non serviranno a nulla se non a prolungare l’agonia delle famiglie.
Tra direttive, ordinanze, cronoprogrammi e chiacchiere varie, il risultato è stato solo di far allungare i tempi: il sindaco Orlando la smetta di bluffare o sarà il Consiglio a chiedere a Roma di agire”. Lo dice il capogruppo di Italia Viva a Sala delle Lapidi Dario Chinnici.

“L’ordine del giorno, votato all’unanimità dal Consiglio con l’appoggio della Giunta – dice Chinnici – impegna il sindaco e il presidente del Consiglio a chiedere l’intervento del Ministero della Salute e di quello della Difesa per la costruzione del nuovo cimitero e lo snellimento di tutte le procedure utili a uscire dall’emergenza. Niente a che fare con quanto, invece, ha fatto il sindaco Orlando,  capace solo di chiedere l’intervento delle forze armate per spostare le bare e movimentare la terra, cose che non faranno diminuire le quasi mille bare ferme a deposito, né risolveranno i problemi dei campi di inumazione o del forno crematorio. Se Orlando pensa di giocare con il futuro della città sbaglia di grosso: il Consiglio è pronto a far valere le sue prerogative”.

 

 

Articoli Correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button