CronacaPrimo Piano

CARABINIERI, OPERAZIONE DROGA CAPACI: 7 INDAGATI PER TRAFFICO DI STUPEFACENTI

OPERAZIONE DEI CARABINIERI DI CAPACI: ESEGUITA ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE NEI CONFRONTI DI 7 INDAGATI PER ASSOCIAZIONE FINALIZZATA AL TRAFFICO DI STUPEFACENTI.

 

OPERAZIONE DROGA CAPACI. DICHIARAZIONI DEL TEN. COL. ANGELO PITOCCO, COMANDANTE DEL GRUPPO CARABINIERI PALERMO.

 

Nelle prime ore della mattinata, i Carabinieri di Capaci hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misure cautelari, emessa dal GIP del Tribunale di Palermo su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia nell’ambito del procedimento penale nr. 17804/2018 R.G.N.R. Mod. 21 e 3974/2020 R.G.GIP., nei confronti di 7 indagati, destinatari delle misure cautelari della custodia in carcere (4) e degli arresti domiciliari (3), ritenuti tutti responsabili dei reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, spaccio e detenzione ai fini di spaccio in concorso di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e marijuana (Artt. 81 cpv., 110 c.p. e 73 e 74 d.P.R. 309/1990).

L’indagine, coordinata da un gruppo di Sostituti e diretta dal Proc. Agg. Dott. Salvatore De Luca, è scaturita dall’arresto in flagranza di reato di uno degli indagati, operato in data 1 febbraio 2018, per detenzione ai fini di spaccio di 34 dosi di cocaina.

L’attività investigativa condotta, sviluppatasi tra febbraio 2018 e novembre 2019 attraverso intercettazioni telefoniche e numerosi servizi osservazione e pedinamento, è stata incentrata sull’individuazione delle persone coinvolte nell’illecita attività di spaccio nei Comuni di Capaci, Isola delle Femmine e Carini, ed ha consentito di:

  • arrestare in flagranza di reato nr. 2 soggetti e deferirne 4 in s.l., per i reati di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, nonché contestare 6 illeciti amministrativi per uso personale, utilizzati come riscontro dell’attività intercettiva in atto;
  • accertare una continua fornitura ed attività di spaccio in capo agli indagati, i quali operavano nelle citate municipalità in maniera itinerante, con una fitta e abituale clientela di acquirenti, sintomatica dell’insistente attività illecita;

accertare uno stabile concorso degli indagati nell’attività di spaccio, con precisa divisione di compiti e ruoli tali da configurare specifiche responsabilità sotto il profilo associativo, con riferimenti espressi al “capo” della consorteria quale soggetto titolare di poteri decisionali.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com