CronacaPrimo Piano

Caos camion via Crispi e via Arsenale. Gelarda-Pitarresi responsabilità comune

Caos camion via Crispi e via Arsenale. Gelarda-Pitarresi responsabilità comune

“Abbiamo udito, in sesta commissione consiliare, il presidente dell’autorità portuale dott. Pasqualino Monti. Tra i tanti temi che abbiamo trattato c’è stato quello del caos di mezzi pesanti che si viene a creare, frequentemente, in via dell’Arsenale con code che spesso arrivano fino alla via Crispi lato mare – dichiarano il capogruppo della Lega Igor Gelarda insieme alla consigliera Maria Pitarresi. Questi che stazionano in via dell’Arsenale in attesa di entrare in porto, sono mezzi privi di titolo per viaggiare, cioè senza biglietto e in attesa di ottenerlo. Pertanto non possono entrare nell’area portuale e stazionano in doppia fila, molto spesso con i motori accesi.
Chiaramente tutto ciò rende infernale la vita dei residenti di via dell’Arsenale, ma creano disagi a tutti perché spesso le code si allungano fino a via Crispi lato mare . L’unica soluzione è la presenza costante della Polizia Municipale che impedisca a questi camion di sostare qui e quindi creare disagi per tutti. Abbiamo convocato la Polizia Municipale proprio perché è un problema che interessa non solo i residenti di quella zona, ma la viabilità di tutti. La via dell’Arsenale è stata già attenzionata da noi, abbiamo già ottenuto la rimozione di parecchi ingombranti e anche la sistemazione di alcune fognature. Tra l’altro, come Lega, ci siamo mossi anche con una petizione perché insieme al largo Villaura e via dei Cantieri via dell’Arsenale venga dotato di impianto di videosorveglianza per evitare lo scempio dell’abbandono dei rifiuti- concludono Gelarda e Pitarresi “.

Articoli Correlati

4 Commenti

  1. berlusconisti calunnie agli invalidi , stalkers in passeggio e finti molestati dice: Che c'è tu? giacy bocca di fogna e sumule ha detto:

    se la prendono con gli invalidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button