L'Editoriale del DirettorePrimo Piano

Benvenuto 2022. Il nuovo anno eredita difficoltà a mai finire, ma sperare è errato

Benvenuto al nuovo e atteso anno.

Ci siamo  arrivati  non con poche fatiche e apprensione. Anzi, molto depressi, se vogliamo essere onesti con noi stessi.

L’anno che ci lasciato non può essere dimenticato facilmente per via delle tante emergenze e serie problematiche che ha destabilizzato il pianeta e i popoli che vi abitano

Siamo comunque abituati a porre speranza al nuovo che arriva e lo facciamo credendoci per davvero. Siamo fatti così: la cosiddetta speranza e sempre l’asso nella manica di ognuno di noi pur quando in gioco c’è la vita.

Tuttavia non possiamo dire che il peggio è  passato, perché non è  passato.

Se scendiamo nel dettaglio e guardiamo a casa nostra non possiamo dirlo proprio poiché siamo e stiamo dentro il “peggio” dove manca la “qualsiasi”.

Palermo soffre di mancanza di normalità e di tutte quelle  “banalità” che la renderebbe città  civile.  I servizi più normali ormai per il cittadino sono  cose di  “lusso”.

Ma andando al dunque cosa sogna e spera la comunità da questo nuovo anno?

Se da una parte pensa e scommette (per sentire comune) sul PNRR quale unico strumento per superare tutte le crisi, pure quella pandemica, dall’altra pensa e spera quella normale quotidianità per dimenticare  quella scarsa qualità di vita cui ormai ci siamo abituati.

Palermo, difatti, che di scarsa qualità di vita ne è l’esempio sembra oramai aver perso anche spiritualità e fede: la città è stata  dimenticata da DIO e non lo si dice perché presi da estremo pessimismo, ma per fatti e disfatti acclamati

Ribadire e stilare  un programma dei “casini” di Palermo sarebbe una ripetizione noiosa. Servirebbe a poco e ci ricorderebbe quel tristissimo anno che abbiamo appena lasciato.

Ci affidiamo dunque  ad un  colpo di culo?

Forse. Pure… sappiamo di certo che solo una organizzazione (lato sensu) fatta di uomini e donne di buona volontà, competenti, esperti, onesti  e innamorati della propria terra potrà intervenire su una nuova  vivibilità civile dove il popolo esprimerà quel “concetto culturale” di cui tutti ci sentiamo esperti.

Risulterebbe troppo disonesto puntare il dito contro la  “zia Pina” che ha un problema culturale per giustificare ogni catastrofe politico amministrativa.

E allora cosa gridare al nuovo 22?

Gridiamo  affinché tutte quelle misure disattese diventino operative, produttive e portino benessere sociale e produttivo per potere dare “spazio” a ognuno di noi nei diversi ambiti.

Gridiamo no alla speranza:

Speriamo di non sperare perche stanchi di essere  speranzosi e poi perché la stessa speranza non vuole essere più sperata.

Il 22, ad ogni modo, secondo molti suona bene, specie, per chi come noi, ha fondato la propria vita e lavoro all’insegna del “fare e costruire” con passione e senza mai risparmiarsi.

Ecco questo è un modo concreto per dare il benvenuto al nuovo anno che non si spera, semmai si organizza.

Auguriii

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button