CronacaPrimo Piano

BECCATO DALLA GDF ALTRO FURBO DEL REDDITO DI CITTADINANZA

GDF PALERMO: ILLECITI CONTRO IL REDDITO DI CITTADINANZA, INDIVIDUATO UN INDEBITO PERCETTORE.

BECCATO DALLA GDF ALTRO FURBO DEL REDDITO DI CITTADINANZA

Nei giorni scorsi i militari della Compagnia di Bagheria, in esito ad attività di intelligence economico-finanziaria
e in stretta sinergia e collaborazione info-operativa con l’INPS, hanno individuato una signora risultata
illecitamente beneficiaria del Reddito di Cittadinanza per un ammontare pari a circa 18 mila euro.
In particolare, le Fiamme Gialle hanno accertato che la signora aveva omesso di comunicare lo stato detentivo
del figlio, sottoposto dal 2019 alla misura della custodia cautelare in carcere emessa dalla D.D.A. di Palermo,
insieme ad altri undici soggetti, per estorsione aggravata dal metodo mafioso perpetrata ai danni di diversi locali
notturni di Palermo e provincia.
Tenuto conto che tale circostanza costituisce cause ostativa alla concessione del beneficio, i finanzieri hanno
proceduto a denunciare il beneficiario del reddito di cittadinanza alla Procura della Repubblica di Termini
Imerese per i reati puniti dalla legge n. 26 del 2019 e contestualmente a comunicare l’indebito percettore agli
uffici I.N.P.S. competenti territorialmente per l’irrogazione delle sanzioni amministrative di sospensione del
beneficio e per il recupero coattivo delle somme già indebitamente percepite, pari a circa 18 mila euro.
L’attività di servizio, conferma il ruolo di polizia economico-finanziaria affidato al Corpo della Guardia di
Finanza, a contrasto delle illecite condotte di coloro i quali, accedendo indebitamente a prestazioni assistenziali
erogate dallo Stato, sottraggono importanti risorse economiche destinate a favore di persone e famiglie che si
trovano effettivamente in condizioni di disagio

Articoli Correlati

3 Commenti

  1. giacy e maullixio minacciano vicchy in strada con simuli loschi figuri mafia ed estorsori politici proferiscono parolacce ha detto:

    il ricatto è sempre lo stesso non bisogna fare la politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button