Covid-19Prendo quotaPrimo Piano

Al via domani il 95° Giro podistico Internazionale di Castelbuono

Il Giro podistico Internazionale di Castelbuono si appresta a celebrare la sua 95esima edizione. Lo start, come da tradizione domani alle ore 19, poi sarà di nuovo emozioni e spettacolo, quello che è mancato lo scorso anno quando il Giro è stato dapprima rinviato e poi definitivamente annullato a causa della pandemia. La manifestazione, organizzata dal Gruppo Atletico Polisportivo Castelbuonese, è inserita nel Road Race Label 2021 del calendario della Wordl Athletic e nel 2020 si è vista assegnare, la Heritage Plaque (come gara storica e di rilevanza internazionale) consegnata materialmente tre settimane fa. L’edizione numero 95 si preannuncia come l’ennesima sfida tra atleti europei e atleti africani, un dominio quello di questi ultimi che dura dal 2007 ultima vittoria di un atleta del vecchio continente a Castelbuono, lo spagnolo Martinez. E poi c’è l’Italia, tanta Italia quest’anno, malgrado le Olimpiadi, malgrado il Covid. E allora i più nostalgici corrono indietro di 32 anni quando Salvatore Bettiol mise la firma sul Giro, ultima fino ad oggi di un italiano. Favorito d’obbligo è il keniano Eric Kiptanui, lo dice il crono, con un marchio di garanzia che si chiama Renato Canova (il suo allenatore). Ancora Kenia con il giovanissimo Lomuket imprevedibile tanto da battere appena qualche mese fa sua maestà Barega (presente a Tokyo) in un 5000 stellare. Africa presente anche con un altro keniano di seconda fascia, Moses Lekuraa, il giovane etiope Malesse Birhan e con l’atleta del Burundi Olivier Irabaruta.Tanta Italia dicevamo, Aouani, Neka Crippa (attenti a questi due), La Rosa, Ouhda, Selvarolo, D’Onofrio, Giacobazzi, Quazzola, Salami, tra gli altri. Un Giro che quest’anno si apre a 360° all’Europa con lo svedese Nilsson, l’olandese De Backer (forfait invece dell’ultima ora per  Maas e Koreman) lo spagnolo Alejandro Jimenèz e il belga Keppens.

Passaggio piazza Margherita

Tutti ingredienti per riprendere a scrivere la storia di una manifestazione che è anche devozione alla patrona Sant’Anna con la quale “divide” la tradizionale data, sfida ma anche integrazione perché alla fine il vincitore non avrà colore o nazione ma sarà portato in trionfo come colui che ha vinto “A Cursa”, come colui che da quel momento sarà chiamato leggenda. Manifestazione “sicura” nel pieno rispetto delle norme anti-Covid. Sicurezza è infatti la parola d’ordine per atleti e addetti ai lavori. La manifestazione, si svolgerà nel pieno rispetto delle normative anti-Covid attualmente in vigore. Distanziamento, igienizzazione delle mani, mascherine da indossare prima e dopo l’evento agonistico, ristori sigillati, ceste per depositare mascherine, fazzoletti ed altro materiale di scarto. Per quanto riguarda la presenza di pubblico, lungo il percorso sarà consentita la presenza di un massimo di 2000 persone. Le stesse dovranno indossare obbligatoriamente la mascherina e mantenere il distanziamento di almeno in metro. La zona arrivo sarà liberata man mano che arriveranno gli atleti; snelle, in modalità “flower cerimony” le premiazioni. In gara il settore promozionale, con Cadetti e Cadette, per il 2° Trofeo della Province. Trentanove atleti in rappresentanza di otto delle nove province siciliane. Sono i numeri, in estrema sintesi, dei partecipanti al secondo Trofeo delle Province, antipasto in chiave giovanile del 95° Giro podistico Internazionale di Castelbuono, in programma lunedì 26 luglio.  Il “Trofeo delle Province” vedrà protagonisti i giovani del settore promozionale (Cadetti/e) sfidarsi in un vero e proprio torneo a squadre. OTTO team (Palermo, Catania, Messina, Trapani, Caltanissetta, Enna, Agrigento, Ragusa) contraddistinti ognuno da una maglia di colore diverso. Due i giri dello storico percorso per un totale di 2.268 metri. Due le batterie, altrettanti gli orari: cadette ore 17.30, cadetti ore 17.45.

Il Giro Podistico Internazionale di Castelbuono.

Ritrovo dei partecipanti alle ore 16 in piazza Margherita. Nel primo pomeriggio a Castelbuono, a poche ore dallo start della gara, il consiglio regionale del comitato regionale della Fidal Sicilia. Un modo, come già annunciato dal presidente della federazione isolana, Salvatore Gebbia, per sottolineare ed evidenziare l’opera sul campo della società castelbuonese, attenta all’attività di base a quella sociale e vicina al territorio. Numeri ridotti anche per quel che riguarda gli atleti siciliani al via. Alessio Terrasi altofontino doc, tesserato per il Parco Alpi Apuane, è allenato da Tommaso Ticali. Campione italiano assoluto di maratona nel 2018, vice campione sempre nella stessa distanza, lo scorso anno.  Personale in maratona di 2h17’41. Vincenzo Agnello originario di Misilmeri è tesserato per il Parco Alpi Apuane, anch’egli è allenato da Tommaso Ticali. 1h04’12 in maratonina, 14’26 nel settembre scorso in pista a Palermo nei 5000. Antonino Lollo originario di San Salvatore di Fitalia nel messinese, vive e lavora a Bergamo dove è tesserato per la OrioCenter. Nel 2017 ha vinto la Maratona di Pisa, ha un pb in maratona di 2h24’18. Tutti e tre nel 2019 erano presenti a Castelbuono. Zouhir Sahran barcellonese di venti anni, in forza alla Milone Siracusa, è campione regionale nei 10000 in pista. Agli italiani assoluti di Rovereto è giunto nono nei 3000 siepi (9’11”42).  Rosario Bonomo, atleta “indigeno” tesserato per la società del Gruppo Atletico Polisportivo Castelbuonese. Il Giro da seguire…in TV e on line. La RAI trasmetterà il 95° “Giro podistico Internazionale di Castelbuono in diretta su RAISPORT con collegamento a partire dalle 18.50, telecronista sarà Marco Tripisciano. Giro tutto da seguire anche grazie alla pagina ufficiale FB del Giro https://www.facebook.com/GiroDiCastelbuono (collegamento in questo caso a partire dalle ore 17).

Fabio Gigante

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button