Economia e LavoroPrimo Piano

WindJet risorge e cambia nome: Aereo Linee Siciliane

Foto Internet

Dopo un’estate tormentata sembra che la Wind Jet, compagnia aerea siciliana low cost, nata nel 2003 a Catania per volontà di Antonino Pulvirenti stia per ripartire.

Stando a quanto riportato dal quotidiano “La Sicilia”, la compagnia che nascerà dalla ceneri della Wind jet si chiamerà Aereo Linee Siciliane, avrà quattro aeromobili, che ripartirà su tre tratte nazionali, dal prossimo 5 dicembre. Gli Airbus saranno color bianco, rosso e azzurro con la scritta Windjet e una ‘W’ stilizzata sulla coda.

La rinascita della compagnia italiana potrebbe inoltre contare sull’appoggio della Regione Siciliana.  L’Irfis-FinSicilia potrebbe infatti entrare nelle Newco di Windjet.

Con un atto di indirizzo firmato stamani dal presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, è stato dato incarico alla finanziaria regionale di valutare una forma di partecipazione al capitale sociale della Newco di Windjet, ovvero un’altra forma di finanziamento, nel rispetto delle normative applicabili, anche comunitarie.

Secondo quanto si legge in una nota della Presidenza della Regione, l’intervento è al fine di: «consentire la ristrutturazione ed il rilancio operativo del settore aereo in Sicilia, anche attraverso la cessione o conferimento o affitto del ramo di azienda nella New Co, sulla base del piano industriale predisposto nell’ambito della procedura di concordato preventivo attualmente pendente presso il tribunale competente. L’Irfis potrà, dunque, valutare l’effettiva possibilità di ripresa e rilancio economico e finanziario del vettore aereo, la rispondenza ai criteri di economicità dell’operazione per lo stesso socio unico di Irfis-Finsicilia, Regione siciliana, l’importo della partecipazione o del finanziamento, la fattibilità giuridica, le modalità attuative dell’intervento, nonché l’eventuale reperimento di ulteriori mezzi finanziari, le opportune cautele sul piano del diritto societario. L’atto è stato emanato in considerazione dell’alta priorità che il Governo della Regione attribuisce al trasporto ed in particolare al trasporto aereo. L’azione della Regione non può prescindere dall’intento di attenuare le difficoltà connesse al decentramento del territorio dell’isola rispetto alle aree e ai distretti economici del centro e del nord Italia. Da considerare, inoltre, che la crisi aziendale del vettore presenta indubbi aspetti di valenza e di interesse per il tessuto economico della Sicilia».

La società finanziaria, come da statuto infatti, può «assumere partecipazioni in Italia e all’estero, e cioè acquisire, detenere, gestire diritti, rappresentati o meno da titoli, sul capitale di altre imprese», attività che può «essere esercitata anche in nome proprio e per conto della Regione Siciliana».

Fabio Butera

Articoli Correlati

7 Commenti

  1. Certi commenti sono del tutto assurdi.
    Non si fa altro che parlare di Rimborsi e Denuncie sempre e di continuo.
    Leggete un pò tutti gli articoli, poichè ad ogni articolo, di rinascita della LOW COST; ne susseguono altri di proteste .
    Mettetevi una mano della coscienza, c’ è chi in questo momento neanche sa cos’ è una vacanza, c’ è chi in questo momento ha perso il lavoro che al giorno d’oggi è sacro ed ancora la gente continua a scrivere sui blog.Riparte Wind Jet ed i miei soldi?
    Le mie Vacanze Rovinate?
    VERGOGNA

  2. Magari prima facciam oun corso di italiano e poi cominciamo ad esporre giudizi sulle problematiche economiche-politiche della Sicilia.
    Ad ogni modo, buffonata pazzesca…che fallisca completamente!proprio perchè amo la mia terra posso dire che la windjet è solo una macchia nera per la sicilia…a me ha solo portato infiniti disagi e non è mai stata in grado di rimediare ai disservizi…ovvio prima fra tutti il personale e gli amministratori SONO un disservizi! e mi fermo qui!

  3. io dico che e giusto farripartire windjet, ed e anche giusto che la reggione Sicilia ne prenda parte,cosi facciamo vedere che non siamo una reggione da esludere.
    Noi Siciliani siamo umili e onesti,invece al nord, si fottono i soldi. Allora alziamo la testa di fronde a questi ladri che si sono manciato L`italia.

  4. I rimborsi??? Io un mese fa ho mandato una raccomandata con ricevuta di ritorno, come suggerito dall’associazione dei consumatori, ma ad oggi nessuna risposta!!!

  5. con grande delusione vedo che di tutto parlano ,tranne dei rimborsi e dei danni provocati alle migliaia di persone cadute nelle loro trappole…………….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button