CulturaPrimo Piano

Vincenzo Vavuso presenta “Rabbia e Silenzio”

Mercoledì 12 marzo 2014, ore 17.30 presso la Galleria RossoCinabro (Via Raffaele Cadorna 28, Roma), verrà presentato il volume d’arte Rabbia e Silenzio di Vincenzo Vavuso  edito da Cervino Edizioni con prefazione di Angelo Calabrese.

Il titolo, Rabbia e silenzio, richiama esplicitamente e teorizza le recenti mostre personali dell’artista a  Salerno e Roma,  che continueranno il  loro percorso espositivo al Nord Italia e  all’estero.

E’ un vero e proprio libro d’arte. E’ stato realizzato in edizione limitata, impreziosito con interventi manuali  dell’artista. I 100 esemplari, numerati e progressivamente firmati in originale dall’Autore, recheranno l’indicazione del destinatario.

Ispirato ai dettami dell’arte concettuale e mirante ad offrire un messaggio costruttivo attraverso le provocazioni delle forme, è fondato  sulla denuncia dell’attuale degenerazione etica, culturale e sociale.

Come le sue installazioni, caratterizzate dalla presenza di pagine di libro o di interi libri bruciacchiati, calpestati, tagliati, inghiottiti da solide ragnatele, questo volume ha pagine ferite da bruciature quali forma della devastazione e quali segni di una cultura calpestata e umiliata.

All’interno oltre a pagine di commento,  calligrammi (forme familiari contornate da parole chiave) troverete anche accenni di poesia visiva, oltre a un grido esasperato di denuncia e di malessere  che attanaglia l’intera collettività.

Rabbia e silenzio è un’opera stimolante da cui ci si lascia provocare  con asprezza per costruire con dolcezza una dimensione di nuova palingenesi. Ogni volume contiene, inoltre, un’opera unica su carta da incorniciare

Rabbia e Silenzio è un percorso d’arte che unifica  esposizioni di opere di dipinti, cromostrutture, installazioni, volume d’arte e un manifesto.

Vincenzo Vavuso nasce a Caserta il 22 ottobre 1972, diventa uno studioso dell’arte fin da piccolo, grazie alla passione scaturita dai frequenti acquisti di opere scultoree e di dipinti, compiuti dai suoi genitori.

Completa gli studi nella sua città natia, poi nel 1991 si reca a Salerno per prestare il servizio militare e qui coinvolto dalle bellezze naturali della città, comincia un suo vero percorso artistico.

Nel 1995 inizia per lui un forte cambiamento personale ed artistico, infatti un’irrefrenabile voglia di dipingere lo coinvolge a tal punto, da modificare lo studio di casa in un laboratorio d’arte.

Nel 2004 comincia a partecipare alle prime collettive artistiche, in modo da rendere visibili a tutti i suoi lavori. Partecipa ad esposizioni e concorsi in Italia, in Spagna e negli Emirati Arabi. Molte sono state le città italiane che hanno ospitato le sue creazioni, partendo appunto da Salerno, fino ad arrivare a Roma, Firenze, Udine, Costiera Amalfitana e Napoli. Alcune di queste sedi ospitano in maniera permanente le sue opere, la basilica di San Marco a Firenze ha acquisito l’opera  Alieno,  il museo di Villa Bruno in San Giorgio a Cremano (Na) l’opera  Fiore mediterraneo e l’Ente Istituzionale del Ministero un olio su tela dal titolo Sarno 1994.

La carriera pittorica di Vavuso comincia con il figurativo, ma ben presto le sue conoscenze ed i suoi stati d’animo lo inducono a spaziare tra una pittura concettuale ed informale, divenuta la sua principale estrinsecazione artistica.  E’ autore del volume La pittura: l’espressione di noi stessi, composto da sei capitoli nei quali traccia un percorso artistico molto importante della storia dell’arte, ovvero dall’Ottocento fino all’arte Contemporanea, edito da Terra del Sole.

E’ presente in diversi cataloghi ed enciclopedie d’arte, l’ultimo dei quali  La via italiana all’informale edito da Mondadori. Le sue opere hanno un coefficiente valutativo, pubblicato dalla rivista internazionale Urbis et Artist e sono in permanenza presso la Galleria RossoCinabro di Roma.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: