Primo PianoSport

Verso Palermo-Juve, Miccoli: “Vinciamo e segno io!”

Fabrizio Miccoli. Foto Internet

Siamo a 5 giorni dalla sfida alla capolista per il Palermo di Gasperini, ma il capitano dei rosanero, Fabrizio Miccoli, non ha perso tempo e ha confessato di conoscere già il risultato finale. Finirà 2-1 per la squadra di casa con gol dello stesso capitano e di Franco Brienza, per i bianconeri, gol di Andrea Pirlo. Fatti i dovuti scongiuri, andiamo ad analizzare come Miccoli, al rientro dalla squalifica che lo ha tenuto fuori dagli undici di San Siro, vede la partita di domenica prossima, ore 15, contro la Juventus capolista.

Ai microfoni di Raisport, Fabrizio Miccoli predice la vittoria del Palermo proprio con un suo gol: “Vinciamo noi 2-1 e un gol lo segno io di sicuro. L’altro lo segnerà  Brienza. Mentre per i bianconeri vedo Pirlo”. Scherza, ma poi non tanto, il Maradona del Salento. Poi torna serio e analizza le difficoltà della squadra a guadagnare punti pesanti. In arrivo c’è la Juve, con il rientrante Antonio Conte in panchina. Non sarà facile. Infatti, Fabrizio ammette: “Per una squadra a caccia di punti salvezza affrontare la capolista in questo momento non è il massimo. È il peggior avversario che potesse capitarci, ma il risultato non è ancora deciso e dovremo giocarci la partita al massimo delle nostre possibilità”.

Poi, col coltello tra i denti rassicura i tifosi rosanero: “Saremo molto concentrati e cercheremo di ottenere più punti possibile”. Sarà presente in campo, il capitano? “Sicuramente sarò disponibile – afferma -, poi se scenderò in campo lo deciderà il mister, ma penso che non ci siano problemi”. Appare abbastanza sicuro di scendere in campo, del resto è rimasto a riposo in Coppa Italia contro il Verona e forzatamente contro l’Inter, la presenza con la Juve dovrebbe essere scontata. Tutto dipende dalle scelte di Gasp, ma Miccoli non ha dubbi: “poi gli parlo io…!” (ride).

La partita contro la Juventus non è mai stata “normale” per Miccoli, infatti, ogni volta che si presenta l’occasione, riemerge il passato tumultuoso con la società bianconera (si parla di cene pagate ai compagni di squadra per una vittoria in trasferta a Torino). All’apparenza non sembra pensarla allo stesso modo il capitano rosa. Infatti: “Non so quante volte l’ho ripetuto – afferma – contro la Juventus non ho nulla. In quella stagione a Torino sono cresciuto tanto, ho avuto modo di conoscere gente importante, di allenarmi con grandi campioni […], con la società bianconera poi è successo quello che è successo, e ognuno è andato per la sua strada”.

Nella speranza che il capitano festeggi il 101° gol in serie A proprio domenica contro i rivali bianconeri, accontentiamoci, ripetiamo facendo i dovuti scongiuri, delle previsioni di Fabrizio Miccoli.

Ignazio Cusimano

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: