Cinema-Teatro-MusicaPrimo Piano

Verdi al Teatro Massimo: un ballo in maschera

Si preannuncia imponente e sfarzosa l’opera di Giuseppe Verdi che debutterà martedì 19 maggio alle 20.30 al teatro Massimo.

Storico l’allestimento di Pier Luigi Samaritani con la regia di Massimo Gasparon. Domani la antegenerale alle 18,30 ed ancora  favore della AIRC la Generale prevista per Domenica alle 17,30. La guida dell’orchestra e’ affidata a Paolo Arrivabeni attuale direttore Musicale dell’Opera Royal de Wallonie di Liegi. Arrivabeni e’ uno specialista del repertorio italiano tra cui spiccano VERDI, DONIZETTI, ROSSINI ma nutre oltretutto un particolare interesse verso i grandi compositori  tedeschi e russi di cui recentemente ha diretto opere di Wagner Strauss. Collabora con i più prestigiosi teatri europei.

Alcune note per il regista Gasparon che nato a Venezia si laurea in Architettura e inizia a collaborare con Pier Luigi Pizzi prima come assistente scenografo e ancora come regista. Nella sua attivita’ molte le collaborazioni coi grandi teatri con opere di rilevante importanza. La presenza della coreografia ha previsto per la produzione un’attenzione al coreografo AMEDEO AMODIO con la sua trentennale esperienza prima come ballerino e successivamene come direttore dei corpi di ballo piu’ qualificati nel panorama artistico nazionale ed internazionale. Per Ater Balletto di Reggio Emilia ha curato la messa in scena di numerosi balletti ricevendo dal Sindaco di Reggio Emilia la massima onorificenza il TRICOLORE che viene assegnato alle piu’ alte personalita’.

Nel Primo cast ascolteremo Roberto Aronica che dal suo debutto in Rigoletto si e’ andato via via affermando in ruoli  di repertorio sempre piu’ prestigiosi affermando il canto Italiano nei teatri di alto livello europei. Giuseppe Gipali sara’ Riccardo nel secondo Cast . Ancora Primo cast per Oksana Dyka Ucraina nel ruolo di Amelia. Allestimento del Teatro Regio di Parma Corpo di Ballo Orchestra e Coro del teatro Massimo di Palermo. Melodramma in tre atti Un ballo in Maschera ebbe forti contrasti per la censura del governo borbonico e dal Vaticano …. questo avveniva il 17 Febbraio 1859 data della prima rappresentazione dell’opera Verdiana. La censura fu motivata dal fatto che il librettista si e’ ispirato ad un fatto di sangue che coinvolse il re Gustvo III di Svezia   che gli osto’ la vita pochi giorni dopo l’attentato a Napoleone III.

Strano a dirsi l’opera si incentra sul sentimento amoroso facendo passare la politica in secondo piano.

Daremo alcune foto di scena non appena ne entreremo in possesso da parte del Massimo giusto per una anticipazione dei costumi e delle scene.

Repliche fino al 27 Maggio.

Cenni storici sull’opera. Fu un capolavoro impresariale di tale Jacovacci che riusci a mettere in scena l’opera per primo sottraendola al teatro s.Carlo di Napoli. Siamo nel 1859 e l’opera era stata commissionata a Giuseppe Verdi proprio dal teatro napoletano.

L’opera incappo’ nelle maglie della censura perche’ il libretto nella sua stesura originale raccontava dello assassinio di Gustavo III re di Svezia per mano di Ankastoem nel 1792. il libretto era già stato musicato da Auber ma ai censori scottati dall’assassinio del re Gustavo concomitante al tentativo fallito di porre fine con la morte allo strapotere di Napoleone III da parte di Felice Orsini.. la cosa non piacque.

Da che consigliarono a Verdi di spostare l’epoca, cambiare nome ai personaggi. Questo non riusci gradito a Verdi perche’ oltretutto i censori napoletani pretendevano anche i seguenti cambiamenti. 1 non piu’ un sovrano come protagonista 2 cambiare la moglie in sorella 3 modificare la scena della strega trasportandola in epoca in cui ci si credeva 4 nessun ballo 5 l’uccisione dentro la scena 6 eliminare la scena dei nomi tirati a sorte.

Per verdi era troppo infatti rifiuto’ il libretto di Adelia degli Adimari che il teatro gli mando’ per adattarlo ad un ballo in maschera.

Paolo Santoro

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: