Cinema-Teatro-Musica

Valeria Grasso sovrintendente FOSS. “Meglio Nino u ballerino”

Il segretario aziendale SLC-CGIL Tommaso Giambanco, avendo appreso  della nomina di Valeria Grasso, fulgido esempio di antimafia, a Sovrintendente della FOSS,  ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Ci sarebbe piaciuto che, almeno per una volta, la politica mettesse a capo della Sinfonica una persona competente in materia di amministrazione di enti lirico-sinfonici e che la dotasse di relativo patrimonio economico per poter amministrare. Non si può pensare di continuare a gestire l’OSS come una banda di paese, nella totale assenza di prese di posizione da parte dell’unico vertice, per noi, titolato a farlo: il presidente della Fondazione, assessore Michela Stancheris.

Per quanto ci riguarda, a questo punto – pur non avendo nulla di personale contro la Signora Grasso – il Presidente Crocetta potrebbe anche nominare sovrintendente altri protagonisti dell’antimafia: da Nino u ballerino a Natale Giunta, da Ignazio Cutrò a Vincenzo Conticello.

Oppure – continua Giambanco – Crocetta abbia l’onestà intellettuale di riconoscere che non ha alcun interesse nel garantire un futuro alla Fondazione – verso la quale ha mancato di mantenere gli impegni assunti con i sindacati e i con i lavoratori- e di essere interessato soltanto alla distribuzione di nomine per fini politici.

Ci piacerebbe – conclude il sindacalista – che almeno per una volta l’Assemblea Regionale Siciliana e la Giunta di Governo si riunissero per trovare una soluzione definitiva alla crisi degli enti lirico sinfonici, invece di riunirsi per accordarsi sull’assegnazione delle poltrone, paralizzando l’intera attività regionale”.

Mario Trapani

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button