Cinema-Teatro-Musica

Utveggi, il 24 gennaio esce in tutti gli store digitali l’album omonimo

Il 24 gennaio esce in tutti gli store digitali l’album omonimo degli UTVEGGI, band formata da Valerio Mirone (voce), Simone Giuffrida (chitarre, voci), Bruno Pitruzzella (chitarre,voci), Luca La Russa (basso, voci) e Giuseppe Montalbano (batteria, voci). Lo stesso giorno il disco verrà presentato ufficialmente al pubblico presso l’Auditorium Rai di Palermo (Viale Strasburgo, 19 – ore 21, ingresso gratuito fino a esaurimento posti), l’evento sarà anche mandato in streaming sul sito dell’Auditorium e successivamente disponibile su Youtube).

“Utveggi” è stato anticipato dal videoclip “Tò” (regia di Antonio Cusimano), disponibile su Youtube. CLICCA QUI.

La musica degli Utveggi attinge da vari generi, propongono un repertorio composto da brani inediti e rielaborazioni di classici con un taglio decisamente ironico. I testi sono in italiano, eccezion fatta per alcuni brani in giapponese. Il gruppo, infatti, sta organizzando, assieme all’agenzia di promozione EtalentBank, un tour promozionale del disco in Giappone nell’autunno 2015, che partirà da Tokyo. 

Il disco è costituito da tredici brani, di cui due strumentali (#1 e #2) e uno a cappella (“Millepiedi”), raccontati così dalla band: “le chitarre vibranti de “Il Trucco”, il ritmo recitativo e marziale di “Potosì”, l’atmosfera danzante di “Vampe e coltelli” definiscono il tessuto rock dell’album, mentre venature progressive (“Mangiacarta”), classicheggianti e al contempo hard rock (“Ostinato”) incontrano riff scanzonati (“Postumi”) e un omaggio agli Skiantos (“Le Sbarbine”). I testi sono ora meditativi, ora ironici, prendono spunto dalla natura e da ricostruzioni storiche fantasiose, così come sospesi tra storia e immaginazione sono i personaggi: un aspirante saggio, un millepiedi, un viandante che si muove tra paesaggi e stagioni, un filibustiere in attesa di giudizio, un portalettere innamorato. Particolare l’uso della lingua giapponese che ricorre sotto forma di haiku (“Hakama”), in accostamento surreale all’italiano (“Pulizie a Tokyo”) oppure nella conta ricorsiva di mele verdi e rosse in “To, il primo singolo dell’album. Alla fine del disco, si cela nascosta una traccia fantasma (#3).

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com