Economia e LavoroPrimo PianoSindacato

UniCredit: Fabi, accordo per 850 uscite volontarie e 850 assunzioni

Per la Fabi risultato  di straordinaria rilevanza e valore

Nuovo ricambio generazionale in Unicredit: nella tarda serata di ieri, la Fabi e  le altre organizzazioni sindacali hanno firmato con l’azienda un accordo che stabilisce un piano volto a  consentire, esclusivamente su base volontaria, l’uscita incentivata di 850 lavoratrici e lavoratori, e,  contemporaneamente, l’assunzione di 850 giovani under 35. Viene dunque mantenuto un perfetto  equilibrio, con un rapporto di uno a uno, tra uscite e nuovi assunti, che verranno destinati, in particolare,  secondo quanto definito nell’accordo, alla rete commerciale. Per quanto riguarda le uscite, saranno  prese in considerazioni le richieste dei dipendenti che maturano il requisito per la pensione entro il 31  dicembre 2029. Con lo stesso accordo, inoltre, è stato definito un importante riconoscimento  economico, anche per far fronte all’aumento dei prezzi, che riguarda l’erogazione a tutti i dipendenti del  perimetro Italia di Unicredit, di una cifra complessiva pari a 2.400 euro, così suddivisa: 800 euro
detassati, in linea con il decreto legge “aiuti quater”, quale erogazione straordinaria sottoforma di  welfare (cosiddetto “bonus carovita”) pagato con lo stipendio di dicembre 2022; un premio una tantum  di produttività (Vap 2022) di 1.510 euro,sempre come welfare (930 euro per chi sceglie il pagamento in  busta paga); un contributo per la polizza odontoiatrica di 88,70 euro. L’accordo di ieri riguarda anche la  formazione finanziata in azienda che viene valorizzata e resa centrale, le nuove figure professionali della  rete commerciale e l’allineamento dei congedi parentali al Ccnl.
«Quanto definito nell’accordo raggiunto in tema di nuova e buona occupazione rappresenta un risultato  di straordinaria rilevanza e valore, con un’attenzione reale dedicata all’occupazione giovanile, in un  contesto di oggettiva complessità nel sistema Paese. È stato ottenuto un concreto ricambio  generazionale. Al fine di valorizzare l’importante impegno profuso da tutte le lavoratrici e i lavoratori del  perimetro Italia e di mitigare le difficoltà dovute a un contesto economico complesso, recependo le  istanze della Fabi si è raggiunto l’accordo per erogare un riconoscimento economico per un totale di  2.400 euro, definendo sin d’ora il valore del premio di produttività e di un contributo una tantumin linea  con quanto stabilito dal decreto “aiuti quater”. Riteniamo di aver raggiunto un equilibrio di grande  valore che coniuga al tempo stesso la buona e nuova occupazione con un concreto e significativo  riconoscimento economico» commenta il Coordinatore Fabi nel gruppo Unicredit, Stefano Cefaloni.

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com