Primo Piano

NESSUNO TOCCHI ROSALIA

UN FESTINO DALLA PARTE DELLE DONNE

Nei primi sei mesi del 2022 sono già 50 le donne uccise in Italia, vittime di femminicidio; donne uccise per mano di un uomo che conoscevano. Tra loro ricordiamo Nadia Bergamini, 70 anni, uccisa dal genero, Rosa Alfieri, 23 anni, attirata con una scusa in un appartamento da un vicino che l’ha uccisa perché respinto, Romina De Cesare, 36 anni, uccisa con 15 coltellate dall’ex, Lauretta Toffoli, 74 anni, uccisa da un vicino di casa, Noelia Rodriguez Chura, 46 anni, uccisa con un coltello dall’ex compagno, Brunilde Halla, 37 anni, uccisa sotto gli occhi del figlio di 10 anni, dall’uomo da cui voleva separarsi, Lidia Miljkovic ammazzata dall’ex marito per strada e Donatella Miccoli, 38 anni, anche lei uccisa a coltellate dal marito.

Tante, troppe di queste donne avevano denunciato, avevano raccontato minacce, violenze. Ma non sono state credute.

Nel 2021 il Centro Antiviolenza Le Onde è stato contattato da 804 donne, di cui 378 hanno chiamato per la prima volta. Ventinove il numero delle donne, delle bambine e dei bambini che sono stati ospitati nelle Case rifugio ad indirizzo segreto. Sono donne che hanno subito violenza fisica, psicologica, sessuale, economica, stalking, soprattutto nelle relazioni intime.

Ancora alto il numero dei femminicidi nel 2021 in Italia: 103 donne sono state uccise per mano dei loro mariti, ex-mariti, padri, fratelli, fidanzati, amanti, sfruttatori.

L’evento “ Nessuno Tocchi Rosalia”, previsto per Mercoledì 13 luglio 2022 alle ore 18.30 a Piazza Politeama Palermo, persegue il duplice l’obiettivo di  sostenere le donne che escono dalla violenza e  ricordare le donne vittime di femminicidio.

Il flash mob,  lanciato dal Centro Antiviolenza Le Onde di Palermo con “Nessuno tocchi Rosalia”, è giunto alla sua decima edizione, e si inserisce tra gli eventi preparatori del 398 Festino di Santa Rosalia 2022, che quest’anno vede la compartecipazione creativa di diverse azioni orchestrate in una visione di futuro, dove sono presenti tutte le istituzioni e la comunità.

Quest’anno all’iniziativa si aggiunge un tassello, un filo rosso che lega Alessandria a Palermo con il Festival Fragole e Pomodori promosso dal Centro Antiviolenza Me.dea insieme al Comune di Alessandria. Il titolo è un omaggio alle donne braccianti impiegate e sfruttate nel Mezzogiorno per la raccolta delle fragole e dei pomodori, donne che per lavorare subiscono diverse forme di violenza, tra cui quella sessuale ad opera dei padroni o dei supervisori.

Le ragazze ed i ragazzi del Conservatorio V. Bellini di Palermo e del Conservatorio A. Vivaldi di Alessandria accompagneranno il flash mob suonando in piazza brani di musica classica e musica jazz.

Caterina Guercio

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button