Economia & LavoroPrimo Piano

Il tram fa la prima vittima tra i commercianti: chiude la gelateria Stancampiano della stazione Notarbartolo

gelato-artigianale

A fine anno era stato inaugurato con l’auspicio che potesse non solo migliorare la qualità di vita dei cittadini, ma anche favorire l’aumento della clientela per i commercianti. Invece, il tram dopo neanche due mesi fa la sua prima vittima. Dopo 30 anni chiude la storica gelateria Stancampiano della stazione Notarbartolo. Le parole del proprietario Francesco Stancampiano:

“Da molti anni la zona è vittima di scelte infeliciAbbiamo aperto nel 1985, ma già dall’attentato a Giovanni Falcone la nostra azienda ha iniziato a morire. Nelle nostre vicinanze abitavano diversi magistrati e l’area è finita sotto costante presidio militare. A darci il colpo di grazia, tuttavia, è stato il tram». Secondo il titolare del bar, l’arrivo del capolinea del Genio di fronte alla stazione Notarbartolo, atteso come un’occasione di rilancio da parte dei commercianti, non si è rivelato così proficuo.

“Abbiamo aspettato con fiducia che finissero i lavori – spiega – Fin da subito hanno ridotto i parcheggi e adesso diventa quasi impossibile trovare posto a meno che non si lascia l’auto in piazza Ottavio Ziino. Speravamo tanto che qualcosa migliorasse, specie quando abbiamo visto che le nuove attività cominciavano a fiorire. Poi è arrivato McDonald’s, ha riaperto Migliore e sono nati diversi altri negozi e centri scommesse”. 

Inaugurazione del tram: “Abbiamo visto un incremento della clientela i primi giorni. Erano le feste di Natale e molti nonni portavano i bambini a fare il giro sul nuovo mezzo. Appena sono riaperte le scuole, invece, il nulla: la gente che scende dal tram va veloce, ha da fare, non si ferma. Tra i clienti è rimasto giusto qualche tranviere che scende al capolinea e passa dal bar. Via Notarbartolo è morta – continua Stancampiano – I commercianti hanno iniziato ad abbandonare la zonaI negozi chiusi sono tantissimi e tanti altri sono in vendita”.

“Nel periodo festivo non hanno neanche installato le luminarie – conclude Stancampiano -, quando ho segnalato il problema al Comune, mi sono sentito rispondere che non è centro storico. Ma perché allora per la ztl lo è? Se poi ci aggiungiamo anche i costi dell’affitto e le utenze, chiudere era l’unica soluzione”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: