CronacaPrimo Piano

Torna il pranzo di Natale per i poveri nella Parrocchia Ss. Pietro e Paolo

Per il terzo anno consecutivo, la Parrocchia dei Ss. Pietro e Paolo, organizzerà il tradizionale pranzo di Natale destinato ad allietare i più bisognosi, durante la festa. Appuntamento al 24 Dicembre 2013 ore 11.30 presso la chiesa di Ss. Pietro e Paolo, via F.sco Bentivegna, 62/B (Palermo).

Il pranzo di Natale non è un’iniziativa estemporanea che risveglia la nostra coscienza solo in prossimità di una così importante festa. Infatti attraverso la mensa domiciliare, grazie anche al contributo economico dell’Opera Pia Santa Lucia,  la Parrocchia  Ss. Pietro e Paolo porta un pasto caldo a domicilio, quotidianamente, a 20 anziani soli del quartiere; dal suo inizio ad oggi abbiamo distribuito più di 3.000 pasti.

Non meno importante è il servizio di distribuzione alimentare che ogni giovedì viene erogato a 150 famiglie in condizione di grave disaggio economico e sociale. Quest’anno il pranzo assume un valore diverso perché purtroppo i problemi crescono e la nostra chiesa ha l’obbligo di dimostrarsi sempre più sensibile. Il pranzo di Natale è un punto di ripartenza per creare una nuova speranza e un nuovo welfare per tutto il 2014. Sono anni che sorridiamo insieme a chi partecipa al pranzo e usciamo da questa esperienza arricchiti dalla loro umanità”.

Il parroco Don Mario Golesano: “il servizio a favore degli ultimi attraverso la distribuzione alimentare e la mensa domiciliare, è il dna della chiesa cattolica e dell’essere cristiano. Questi servizi sono costituiti da persone che assumono la sfida delle nuove povertà per dare un segno di prossimità e vicinanza a chi vive nella miseria. Questi ultimi hanno purtroppo due soluzioni davanti: o l’abbandono totale, ecco i casi di suicidio, o la disperazione che rischia di sfociare in violenza.

Una chiesa deve cominciare a porsi tali problemi. Approfittiamo allora di questi momenti belli, di solidarietà, e ricordiamo che chi vive oggi una condizione difficile, di cui si vergogna, in passato ha magari vissuto in condizioni di normalità. E sopratutto trasmettiamo loro un po’ di sorriso”.

Antonio Giannettino commissario Opera Pia Santa Lucia: “tutte le imprese sociali devono collaborare a questi progetti. Il tutto per ridurre il disagio sociale che purtroppo avanza. Quello della solidarietà deve essere un motore acceso tutto l’anno”.

A fine pranzo saranno distribuiti ai bambini i regali di natale. I regali che saranno impacchettati dai giovani volontari della parrocchia che aiuteranno anche ad apparecchiare e a servire ai tavoli dando un’ulteriore tocco di gioia all’occasione.

Sarà presente anche un gruppo musicale formato da giovani che gratuitamente offriranno il loro dono musicale durante il pranzo natalizio.

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button