CronacaPrimo Piano

Tirrito (Cogi): “Una proposta di legge perchè inneggiare alla mafia diventi reato”

Non si può inneggiare alla mafia, né far passare messaggi deviati ai giovani di vicinanza ai clan della malavita, attraverso canzoni, social network o manifestazioni pubbliche: arriva una specifica proposta di legge (in particolare la “modifica all’articolo 414 del codice penale, in materia di circostanza aggravante dell’istigazione o dell’apologia riferite al delitto di associazione di tipo mafioso o a reati commessi da partecipanti ad associazioni di tale natura”), prima firmataria la parlamentare Stefania Ascari (Movimento cinque stelle).

“E’ una proposta che risponde a tutte le perplessità e rimostranze che abbiamo sollevato negli ultimi anni – afferma soddisfatta Maricetta Tirrito, portavoce del Comitato dei collaboratori di Giustizia (Cogi) -. Sono posizioni nelle quali ci rispecchiamo e che sosteniamo convintamente. Per questo ci facciamo promotori affinché gli altri partiti di governo, ma anche l’opposizione, ne valutino l’opportunità. Qui non si tratta di bandiere né di schieramenti, ma di ribadire con forza le regole democratiche di uno Stato che voglia dirsi civile, di evitare che la subcultura che inneggia alla criminalità possa fare breccia nel tessuto sociale, ancor più specificamente trai giovani”.

La proposta di legge contempla gli “inchini” ai boss mafiosi durante le processioni in Sicilia piuttosto che in Campania, i funerali stile Hollywood messi in scena da famiglie criminali romane, e anche le uscite di cantautori “che – spiega Tirrito- si fanno autori e interpreti di canzoni i cui contenuti inneggiano ai vari esponenti della malavita e della criminalità organizzata, tanto da indurre alcuni soggetti istituzionali e sociali a presentare esposti alla magistratura per chiedere di accertare eventuali fattispecie di reato, tra cui l’istigazione a delinquere”.

“Un problema – prosegue Tirrito – che proprio come Co.G.I. abbiamo sollevato l’estate appena passata quando a Ostia, già colpita duramente dalle indagini su Mafia Capitale, stava passando in silenzio l’organizzazione di concerti i cui protagonisti avevano espresso chiari riferimenti di vicinanza a famiglie criminali”.

È necessaria una presa di posizione forte da parte delle istituzioni – afferma la proposta di legge – in primis, da parte del legislatore, affinché si smetta di esaltare e, talvolta, di indicare come miti o “modelli” personaggi che sono solo dei criminali che spezzano vite, rubano e minacciano senza nessuno scrupolo. “Faremo di tutto – conclude Tirrito – affinché si affermi il principio che non si può inneggiare alla criminalità spudoratamente e senza conseguenze”.

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button