Economia e Lavoro

Teatro Biondo, sindacati su protesta “chiediamo un tavolo sulla vertenza”

“Siamo seriamente preoccupati per il futuro del Teatro Biondo, chiediamo un tavolo serio e competente per il suo rilancio che affronti i tre temi fondamentali per la sopravvivenza di una delle più importante istituzioni culturali della città: certezze economiche, programmazione artistica pluriennale e livelli occupazionali, intanto tutte tutte le azioni di lotta proseguiranno”.

A scriverlo in una nota sono i segretari di Slc Cgil , Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Spettacolo, Maurizio Rosso, Michele De Luca , Benito Carollo e Antonino Ficarra, intervenendo sulla vertenza del Teatro Biondo di Palermo.

“I lavoratori sono da tempo impegnati nella protesta per le giuste rivendicazioni, dovrebbero invece occuparsi di problematiche diverse: scene, costumi, luci e quant’altro , le sole attività di una vera e propria attività culturale. Oggi dopo tante sofferenze, non ultima tre mesi di mancato stipendio, comincia ad arrivare qualche segnale dalla politica. Il sindaco e l’assessore alla cultura del Comune di Palermo – continuano – hanno emanato un provvedimento che anticipa cinquecento mila euro sul contributo del 2013”.

I sindacati concludono “apprezziamo anche la sensibilità del Prefetto che subito si è fatto carico della gravità del problema convocando le parti sociali per il prossimo 8 luglio, speriamo che la vertenza possa trovare subito una soluzione e che il Teatro ricominci a svolgere la sua importante attività”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button