Cronaca

Tares, sindacati scrivono a sindaco Trapani “agevolazioni fasce deboli”

“Gli aumenti della Tares colpiscono anche le fasce deboli come i pensionati e le famiglie a basso reddito che non sono in grado di reggerne il peso. Riteniamo necessario un incontro con il sindaco di Trapani, per conoscere e concordare la misura dei tributi che si intendono applicare e le modalità delle agevolazioni a queste categorie sociali, non si può più rinviare”.

A scriverlo in una lettera indirizzata al sindaco di Trapani, sugli aumenti Tares, sono Fnp Cisl Spi Cgil Uilpensionati Trapani, Cgil Cisl e Uil. “Nel corso dell’unico incontro con il comune – aggiungono – avevamo avuto rassicurazioni dal primo cittadino sull’applicazione delle agevolazioni sulla Tares ai pensionati e lavoratori con una fascia di reddito fino a 15 mila euro Isee. Dalle notizie di stampa degli ultimi giorni abbiamo appreso, invece, che la tassa è stata aumentata in maniera insostenibile e che le agevolazioni sarebbero applicate ai soggetti con reddito fino a 13 mila euro. Un’agevolazione che risulterebbe applicabile solo dopo che i contribuenti avranno pagato la tariffa intera”.

I sindacati concludono “troviamo illogica e inaccettabile questa decisione, che ha già causato la reazione dei cittadini chiamati a pagare un tributo così esoso e insostenibile per le famiglie disagiate e a basso reddito”, da qui la richiesta di incontro dei sindacati al comune di Trapani.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button