Sport

Strama sorride: Fantantonio – Palacio, Catania ko a San Siro

Cambiasso e Cassano (foto sport.mediaset.it)

Il Catania perde 2-0 a San Siro contro l’Inter e allunga a quattro partite la striscia negativa di sconfitte esterne in questo campionato. I nerazzurri si impongono con un gol per tempo e si portano al terzo posto in classifica a -1 dal Napoli.

Stramaccioni sorprende tutti: rispetto alle previsioni della vigilia fuori Coutinho, Alvaro Pereira e Gargano, dentro Obi, Mudingayi e soprattutto Palacio, alla prima da titolare, per un tridente d’attacco formidabile con Milito e Cassano. Il Catania invece è quello annunciato, col solito 4-3-3: Alvarez e Marchese occupano le corsie difensive esterne, con i tre argentini Gomez, Barrientos e Bergessio in avanti.

Parte forte l’Inter, che prova a imporre il proprio ritmo ma al primo affondo è il Catania a sfiorare il gol, con Almiron che all’altezza del dischetto del rigore spara alto. Il Catania prende campo e mette in campo le sue doti migliori: grande corsa, ordine tattico e contropiedi rapidissimi, grazie al trio argentino che in avanti non da punti di riferimento ai difensori neroazzurri. Ma nel momento migliore degli etnei sono proprio i padroni di casa ad andare in vantaggio: Cambiasso lascia partire un lancio illuminante verso il secondo palo, Alvarez tentenna e Cassano gli prende il tempo alle spalle, mettendo in rete, di testa, il gol dell’1-0. Il Catania resta tramortito, rischia in un paio di occasioni il tracollo, ma prima del riposo, va vicino al gol del pareggio con Izco che imita Almiron e spara a lato da ottima posizione.

Il Catania della ripresa appare più fiducioso e risponde colpo su colpo alle iniziative dell’Inter: prima Palacio, poi Milito, infine Ricky Alvarez, subentrato a Cassano, rischiano di chiudere il match, ma in ripartenza il Catania è pericoloso e sembra in grado di far male alla retroguardia interista. Proprio durante una di queste ripartenze, Gomez viene atterrato in area di rigore da Guarin: il fallo da rigore appare evidente, ma l’arbitro Russo lascia correre.
A 5’ dalla fine ci pensa Palacio a chiudere la contesa, con un sinistro al volo di pregevole fattura, che infila Andujar sul palo più vicino e spegne i sogni di rimonta del Catania, che deve quindi arrendersi alla terza sconfitta esterna stagionale, dopo quelle di Bologna e Firenze.

Il Catania ha disputato una buona partita, in un campo difficilissimo e contro una squadra in ottima condizione psicofisica, ma come a Bologna è mancata in fase offensiva, dove non ha concretizzato al meglio le occasioni create. Maran dovrà lavorare su questo aspetto: la sua squadra crea molto, ma concretizza poco, difetto che contro l’Inter, a San Siro, costa carissimo.

Per l’Inter si tratta della quarta vittoria consecutiva, che consente agli uomini di Stramaccioni di agganciare la Lazio al terzo posto e portarsi ad una sola lunghezza dal Napoli. Gli etnei sono attesi domenica ad un’altra difficile sfida: per il Lunch Match della nona giornata, al Massimino arriva la capolista Juventus, ma tra le mura amiche il Catania è tutt’altra pasta.

Inter – Catania: le pagelle

Andujar 6 – Incolpevole sulle reti neroazzurre. Salva la porta in diverse occasioni, ma non sempre risulta convincente e sicuro.
Alvarez 4,5 – Sul gol di Cassano si addormenta e rimane a metà strada, con Cassano che lo infila alle spalle. Va spesso in difficoltà e il Catania sul suo lato rischia parecchio.
Legrottaglie 6 – Tiene per tutto il primo tempo, il Catania non rischia molto. Poi nella ripresa si lascia scappare Palacio sul gol del raddoppio.
Spolli 6 – Soffre la fantasia del tridente interista, ma salva il risultato in alcune occasioni. Roccioso come al solito.
Marchese 6 – Come tutta la retroguardia etnea soffre la fantasia di Cassano e Palacio. Molto meglio in fase offensiva, dove si prende anche il lusso di cercare qualche conclusione dalla distanza.
Izco 6= – Si divora una grossa occasione prima dello scadere del primo tempo. Solita grinta in interdizione, manca di precisione e lucidità quando c’è bisogno di rifinire.
Lodi 5,5 – Parte bene ma poi cala, non risultando decisivo neanche su calcio piazzato.
Almiron 6 – Come Izco si divora, in avvio, una palla-gol clamorosa. Propositivo, il più in palla tra i suoi compagni di reparto.
Barrientos 5 – El Pitu non si vede. Evanescente, non incide sulla partita come in altre occasioni.
Bergessio 5 – Non ha molte occasioni ma non è nemmeno cinico. Sfrutta male le poche palle a disposizione.
Gomez 5 – Ha poco spazio, ma da una sua iniziativa nasce l’azione del possibile rigore. Non incisivo, non conclude praticamente mai verso la porta.

All. Maran 6= – Il Catania visto in campo è piaciuto, ma è mancato di concretezza. Nella ripresa i suoi cambi sono poco fortunati.

Arbitro Russo e collaboratori 4,5: Il rigore su Gomez grida ancora vendetta. Russo fischia poco e male, non aiutato al meglio dai suoi assistenti.

Paolo Guagliardito

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button