Primo Piano

Stop delle Ztl: le dichiarazioni di La Colla, Occhipinti e Attinasi

“La tanta gente presente oggi in piazza Pretoria, davanti a Palazzo delle Aquile, avrebbe meritato la presenza di qualcuno dell’amministrazione. Nessuno, invece, si è presentato, palesando così il disinteresse della Giunta nei confronti di chi, legittimamente, ha manifestato”.

Luisa La Colla
Luisa La Colla

Così Luisa La Colla, consigliere comunale del Partito Democratico a Sala delle Lapidi, che ha partecipato stamane al sit-in contro il provvedimento della ZTL.

“Alla luce, poi, dell’accoglimento dell’istanza di sospensione da parte del TAR – ha affermato l’esponente del PD cittadino – bisogna riflettere sull’assenza di progettualità da parte dell’amministrazione, troppo lesta a pretendere l’entrata in vigore della ZTL, tralasciando vari e fondamentali aspetti che oggi si sono trasformati in un boomerang che gli si è ritorto contro”.

“Infine, è paradossale che il sindaco da un lato dia la colpa alle ‘resistenze ai cambiamenti’ e dall’altro sostenga di essere in sintonia con il TAR: onestà intellettuale pretenderebbe che Orlando si scusi per la fretta che è sempre cattiva consigliera e che Giusto Catania si dimetta per manifesta incapacità amministrativa”.

Il capogruppo di Comitati Civici al consiglio comunale di Palermo Filippo Occhipinti ha dichiarato:

“Lo stop alle Ztl è un atto dovuto, ma a questo dovrebbero seguire le dimissioni dell’assessore Giusto Catania. Quanto successo dimostra l’assoluta incapacità a organizzare una macchina che nelle altre città funziona senza problemi. E’ l’ennesimo flop di questa amministrazione, troppo concentrata su egocentrismi,  idee farlocche e protagonismi da prima donna. Il sindaco e l’assessore ne escono con le ossa rotte: la testardaggine non paga mai quando si amministra la cosa pubblica, senza tenere conto delle esigenze dei cittadini. Chiedono al Comune di ascoltare le esigenze di una città in ginocchio e di un centro storico ormai al collasso. Adesso è necessario un confronto con cittadini e consiglio comunale per rivedere la Ztl”.

Mario Attinasi, Presidente Confesercenti Palermo, ha affermato:

“La decisione del Tar di sospendere la Ztl fino al 6 aprile e quella del Comune di rinviare tutto al 15 aprile non cambia granché, le nostre perplessità su questo provvedimento, che rischia di uccidere le attività del centro città, rimangono intatte. Servono nuove deroghe, una entrata in vigore più graduale, regole che aiutino e non penalizzino commercianti e strutture ricettive. Per questo lanciamo un appello al sindaco Orlando: approfitti di questi 15 giorni per aprire un tavolo di confronto con tutta la città, ascoltando le richieste venute dalle centinaia di persone presenti oggi in piazza Pretoria”.

 

Tags
Moltra altro

Panasci

Giornalista editore e musicista. Da 20 anni anche produttore

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: