Economia e Lavoro

Spallitta: “Mozione per ridurre tasse a pmi e artigiani”

Nadia Spallitta. Foto Internet

“Nei prossimi giorni sarà presentata in Consiglio comunale una mozione, già sottoscritta da molti consiglieri, sulle piccole e medie imprese, che ha per oggetto la proposta di riduzione dell’imposizione fiscale locale in relazione a queste categorie produttive fortemente in crisi.

Si tratta di un atto espressione di una collaborazione tra il Consiglio comunale e le associazioni di categoria (Confartigianato, Confcommercio e Confindustria), un’ interlocuzione nuova, che potrà consentire di affrontare in modo razionale e sistematico le problematiche delle categorie produttive locali”.

Lo rende noto il Vice Presidente Vicario del Consiglio comunale di Palermo Nadia Spallitta.

“Ritengo – aggiunge – che una buona politica, oggi, debba partire dal rilancio dell’economia con i mezzi e con gli strumenti, che le pubbliche amministrazioni hanno a disposizione e che sono necessari per salvaguardare il tessuto vitale, che piccole e medie imprese e artigiani rappresentano per l’intera collettività ”.

“La crisi – prosegue- ha determinato la chiusura e la messa in liquidazione di migliaia attività produttive, con ricadute devastanti in termine di ordine pubblico – si pensi a quanti imprenditori in difficoltà si rivolgono agli usurai -, sociale, occupazionale, incide sulla condizione di interi nuclei familiari oltre ad avere effetti sulle potenzialità economiche di un sistema”.

Per Spallitta “il contenimento delle tasse locali – Tosap, Tarsu e Imu – ,che a Palermo registrano le aliquote massime, in virtù di scelte della precedente Amministrazione, diventa oggi un momento importante per restituire fiducia e dare una boccata d’ossigeno alla piccola imprenditoria”.

“La mozione, oltre a prevedere la riduzione delle tariffe locali per le piccole e medie imprese, invita – sottolinea – l’Amministrazione attiva a farsi carico di iniziative, rivolte al contenimento anche dell’Irap ed in generale dell’imposizione fiscale, dal momento che, a mio avviso, oggi, sono stati in questa materia ampiamente superati i limiti costituzionali, che legano tasse e imposte alla effettiva capacità contributiva dei cittadini”.

“Auspico – conclude – che il provvedimento venga approvato dall’intero Consiglio e che allo stesso si possa dare immediata attuazione, recuperando le minori entrate dalla lotta all’evasione, dalla graduale eliminazione dei fitti passivi e dei debiti fuori bilancio, interventi che in modo meritorio l’attuale Amministrazione sta già portando avanti”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button