PoliticaPrimo Piano

Spallitta: “Adottare provvedimenti dopo crolli alle pendici di Monte Pellegrino”

“I crolli alle pendici di Monte Pellegrino inducono a dover riconsiderare alcuni provvedimenti adottati dal Consiglio comunale di Palermo in aree sottoposte a vincolo idrogeologico” . Lo dice il vice presidente del Consiglio comunale di Palermo Nadia Spallitta, che aggiunge: “scriverò per questo motivo al sindaco, affinché valuti alcune proposte in itinere (anche sospendendo nelle more di queste verifiche gli atti e adottando opportuni provvedimenti) come ad esempio la lottizzazione di via Mater Dolorosa alle pendici di Monte Pellegrino, in un’ area a rischio idrogeologico  o la multisala, nell’area dell’ex stabilimento Coca-Cola, autorizzata in una zona sottoposta a vincolo idrogeologico o i numerosi Prusst voluti dal Consiglio comunale in un’area di interesse idrogeologico”.

“Ritengo indispensabile – prosegue – questa verifica a tutela dell’incolumità pubblica e privata e credo, altresì, che i provvedimenti urbanistici devono essere preceduti dall’acquisizione della Vas-Via per conoscere e valutare le condizioni dei siti”.

“Inoltre – conclude- credo che debba essere affrontata tempestivamente con il nuovo Prg tutta la situazione urbanistica nelle zone collinari fortemente edificate, talvolta anche in modo abusivo, anche in consiederazione del fatto che i piani particolareggiati e di recupero per questa parte del territorio della città non sono mai stati adottati”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button