CronacaPrimo Piano

Situazione drammatica sottopassi viale Regione. Gelarda si intervenga subito

video - denuncia

Situazione drammatica Sottopassi viale Regione. Gelarda si intervenga subito

Degrado, sporcizia e persino la carcassa di un’autovettura abbandonata. La situazione di tutti i sottopassi di viale Regione siciliana è drammatica, tra questi quello di quello di Borgo Ulivia è particolarmente allarmante. Siamo davanti al giardino di via Cingallegra nel quartiere Falsomiele-Borgo Ulivia. Il sottopasso dovrebbe unire ciò che la circonvallazione ha diviso, eppure ci troviamo in una zona inaccessibile per i pedoni. “Non sembra di essere neanche in Italia – commenta Igor Gelarda, consigliere comunale di Palermo e capogruppo della Lega -. Abbiamo trovato oltre la carcassa di un’auto, quella di un paio di motori, e poi, siringhe, materassi e rifiuti ingombranti. È necessario intervenire immediatamente per bonificare la zona e chiedere anche dei finanziamenti al Ministero dell’Interno per installare delle telecamere di videosorveglianza”.

In realtà sono tutti i sottopassi di viale Regione Siciliana che presentano criticità e sono inaccessibili.

” ingombranti, erba alta e siringhe ovunque. In alcuni ci sono evidenti infiltrazione di acqua, in altri sembrano esserci proprio problemi strutturali – prosegue Gelarda -. Manca l’illuminazione, mancano i gradini perché il basolato in marmo ha ceduto, pareti rigonfiate. Serve un intervento urgente di bonifica dell’intera rete dei sottopassi della città”.

Video dichiarazioni di Gelarda e di un residente della terza circoscrizione, nonché responsabile provinciale del dipartimento Faunistico della Lega, Francesco Pilo

Articoli Correlati

3 Commenti

  1. Ew131 camionisti minacciatori industria e losca gente simulano reati e molestano invalidi,petronilli e altri corrotti ha detto:

    Io sono testimone

  2. Ew 131 camionisti circonvenzionatori,calamiggnatto 59,molestia mentale e del sonno industria il puffo fortuto insulso e parolacce rumori egfrazione ha detto:

    Sempre la solita storia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button