Economia & LavoroPrimo Piano

Sindacati su Foss “Domani sciopero maestranze”

Orchestra Sinfonica Siciliana

Sciopero domani venerdì 5 dicembre delle maestranze dell’Orchestra Sinfonica Siciliana in occasione dello spettacolo delle 21,15 del concerto diretto dal Maestro  Ender Sokpinar  previsto al Teatro Politeama, con prosecuzione dell’astensione nei giorni 6 e 7.

Ad indirlo sono i sindacati di categoria Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil a causa scrivono in una nota “dello stato d’indigenza della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana giunto ad un livello preoccupante” denunciano i Segretari Territoriali Maurizio Rosso Slc, Francesco Assisi Fistel  e Giuseppe Tumminia Uilcom.

“Da oltre due anni gli stipendi vengono versati con forte ritardo, provocando un indebitamento generale dei dipendenti.  Gli artisti ospiti non vengono retribuiti addirittura dal mese di gennaio 2013– aggiungono i sindacalisti – e si è ormai diffusa la voce nell’ambiente nazionale e internazionale che alla Foss non si viene pagati, nonostante i contratti che vincolano artisti e Fondazione al rispetto di precisi termini.

I sindacati aggiungono, non va sottaciuto che persistono diverse disfunzioni quali: i bilanci  predisposti con grave ritardo quelli relativi al 2013 e 2014 non ancora approvati decretando la mancata erogazione degli stipendi sempre saltuari e mai regolari da circa un paio d’anni;  mancata organizzazione del lavoro;  ripetute, continue e dannose disfunzioni organizzative; l’assenza del piano di rilancio – richiesto dai vertici della Regione in tempi ormai remoti- indispensabile per il prosieguo della sopravvivenza della Fondazione; inadempienze e omissioni in ordine alla gestione amministrativo-contabile.

Chiedono: il  rispetto delle corrette procedure amministrativo-contabili e relativa gestione degli uffici amministrati; rigorosa osservanza dei termini di presentazione delle documentazioni necessarie per l’assegnazione dei contributi e/o finanziamenti; rigorosa osservanza dei termini di scadenza per la presentazione delle domande per l’accesso a ulteriori finanziamenti pubblici e/o privati; chiarimenti sul 20%  decurtato dalla busta paga dei dipendenti nell’anno 2013; chiarimenti sulle somme destinate alla copertura dei contributi previdenziali dei dipendenti; situazione patrimoniale della Fondazione; convenzione  con il Comune di Palermo per la  gestione del Teatro “Politeama-Garibaldi”;

L’Organismo Sindacale, inoltre, denuncia la mancata nomina del CdA che è decaduto e assente da oltre due anni, organismo fondamentale per la normale gestione della struttura, e contestualmente l’assenza dei vertici istituzionali quali, Sovrintendente e Direttore Artistico.

In questi mesi con senso di responsabilità e partecipazione i lavoratori della Orchestra Sinfonica siciliana, nonostante il pesante taglio sulle retribuzioni pari a circa il 20% subito nel 2013, hanno privilegiato un ruolo costruttivo dando fiducia al progetto di risanamento avviato dal Commissario dott. Gianni Silvia, con estrema onesta intellettuale non abbiamo nessun problema a riconoscere la validità dell’azione commissariale che ha rimosso anche pesanti “incrostazioni” delle precedenti gestioni, oggi dopo tanto impegno profuso nella ricerca della   normalità’ all’interno della vita della Fondazione, riscontriamo che,  dopo la sua recente nomina alla Formazione,  coprendo  la doppia carica,  si è creata di fatto un’assenza di Governance che si traduce inevitabilmente in un empasse amministrativo e organizzativo.

Una scelta consapevole ma sofferta quella di scioperare. Noi vogliamo solo poter lavorare in condizioni normali, degne di una grande Orchestra che ha portato alto il nome della Sicilia nel mondo, una delle Orchestre Sinfoniche  più importanti d’Italia. Consapevoli che le problematiche della Fondazione non sono risolvibili dentro le mura del Teatro e che è necessario coinvolgere le Istituzioni  che finora hanno brillato per il loro assordante silenzio, chiediamo IMMEDIATE risposte concrete e non più basate sulle parole. Il tempo degli slogan è finito, la lenta agonia della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana sta divorando la vita quotidiana dei suoi lavoratori e impoverendo una delle colonne morali della nostra Regione.

Chiediamo IMMEDIATE risposte concrete e non più basate sulle parole. Il tempo degli slogan è finito, la lenta agonia della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana sta divorando la vita quotidiana dei suoi lavoratori e impoverendo una delle colonne morali della nostra Regione.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: