Economia e Lavoro

Sindacati su Amia: “Sindaco non usi i commissari come paravento”

Amia (foto Internet)

“L’assenza dell’amministrazione comunale al tavolo di ieri in Prefettura su Amia, ha gettato ombre sul ‘reale progetto’ del Comune di Palermo, determinando tra i lavoratori malessere e forti preoccupazioni che in assenza di adeguate rassicurazioni non potranno che portare alla mobilitazione. A fallire non sarebbero i commissari ma lavoratori, città e sindaco”. Ad affermarlo in una nota all’indomani dell’incontro in Prefettura sono i sindacati di Amia, Fp Cgil, Filt Cisl, Uiltrasporti, Fiadel, Ugl,Confsal e Filas-Ugl.

“Il sindaco la smetta di utilizzare il paravento dei Commissari Amia per sottrarsi agli impegni assunti con i lavoratori: chiarisca immediatamente la reale posizione della sua amministrazione sulla rovente vicenda Amia riconfermando per iscritto al Ministero dello Sviluppo Economico e al Tribunale Fallimentare di Palermo quanto sancito nel concordato”.

“Le dichiarazioni riportate dal Sindaco Orlando nel comunicato stampa diramato ieri sera ‘… Commissari che avrebbero dovuto scongiurare il fallimento e sanare l’azienda…’, ci inducono a credere che l’amministrazione comunale, probabilmente mal consigliata, stia nei fatti percorrendo una strada diversa da quella prevista dal concordato, mettendo così in pericolo il salvataggio dell’azienda e dei suoi lavoratori, ancora oggi patrimonio della città”.

A tal proposito il Sindaco Leoluca Orlando ha incontrato oggi un gruppo di lavoratori di Amia, cui ha spiegato la posizione dell’Amministrazione sulla situazione dell’azienda ed ha ribadito i motivi che hanno reso opportuno non partecipare ieri all’incontro promosso ieri dal Prefetto con i Commissari straordinari.

“I lavoratori e le Organizzazioni sindacali non sono certo la controparte dell’Amministrazione nella delicata vicenda dell’Amia, un’azienda affidata da tre anni a Commissari straordinari che invece di risanarla ne hanno aggravato la situazione. Al Prefetto – ha spiegato Orlando – ho spiegato la nostra posizione, ringraziandolo ancora una volta per l’attenzione e l’impegno che ha dedicato e dedica a risolvere i tanti problemi della città.”

“L’Amministrazione comunale si è adoperata, per quanto di sua competenza per evitare il fallimento dell’azienda, che consideriamo una ipotesi drammatica per tutta la città, e perché al più presto cessi questa scandalosa gestione commissariale. Proprio per questo, avendo sollecitato interventi della Procura e del Ministero dello Sviluppo Economico, crediamo che non sia possibile e opportuno che l’Amministrazione comunale sieda allo stesso tavolo dei Commissari che con il loro comportamento sono la vera controparte dei lavoratori.”

“L’impegno dell’Amministrazione è quello di poter tornare quanto prima a gestire l’azienda direttamente, per dare alla città e ai cittadini i servizi che meritano e garantire a tutti i dipendenti i propri diritti.”

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button