Economia e LavoroPrimo Piano

Sicilia, sit in dei lavoratori della Formazione davanti l’Ars

Sono scesi ancora in piazza con un sit in davanti la sede dell’Assemblea regionale in piazza Parlamento a Palermo, i lavoratori della Formazione Professionale nello stesso giorno dello sciopero dei lavoratori di tutte le filiere, indetto da Flc Cgil, Cisl Scuola e Uilscuola.

I sindacati chiedono “l’immediata individuazione di soluzioni al ritardo delle erogazioni dei finanziamenti dai quali dipendono i ritardi nei pagamenti dei lavoratori senza stipendio da 12 a 24 mesi; prospettive per il settore che garantiscano l’occupazione e il mantenimento del lavoro per gli operatori attraverso l’avvio del piano formativo ordinario. L’accelerazione delle procedure per l’avvio delle attività della filiera Istruzione e Formazione Professionale; la chiusura dei rendiconti e l’erogazione dei saldi per consentire il pagamento degli stipendi dei lavoratori per tutte le annualità pregresse”.

In piazza i lavoratori chiedono anche “l’attivazione di ogni possibile iniziativa per l’avvio della Garanzia Giovani e per l’incarico ed il recupero in servizio del personale degli ex sportelli in tutte le politiche attive del lavoro , infine l’immediato avvio delle azioni del progetto Prometeo”.

“Ancora una volta, sul futuro dei lavoratori della Formazione, abbiamo ricevuto rassicurazioni e impegno da parte di Governo regionale e Ars. Ma questo sindacato conferma comunque lo stato d’agitazione, viste le promesse sino ad oggi mai mantenute. I lavoratori, senza stipendio da troppi mesi, hanno bisogno solo di risposte vere e concrete”. Lo dice lo stesso segretario della Uil Scuola, Giuseppe Raimondi, a seguito dell’incontro di oggi con la V Commissione. E precisa: “Non siamo disposti ad accettare ulteriori rinvii o passaggi di responsabilità. Senza le condizioni e la volontà di risolvere questa emergenza e la la riforma del settore avvieremo la nostra lotta con estrema durezza”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button