Sicilia, si conclude il viaggio dei due registi del Sole Luna Festival

Volge al termine il lungo viaggio di Chiara Andrich e Giovanni Pellegrini, i due giovani registi del Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo che, lo scorso luglio, hanno vinto il concorso “Nuove Energie – Enel Green Power” del Sole Luna Festival. Un premio che ha permesso loro di approdare in terre lontane per realizzare “Bring the Sun Home”, prodotto dall’Associazione Sole Luna – Un ponte tra le culture.

Impegnati per circa un anno, adesso si passa alla fase conclusiva del progetto: la presentazione del film.

La proiezione della prima stesura del documentario avverrà il 5 giugno a Roma, durante la giornata mondiale dell’ambiente 2013. Data strategica per ricordare che il sole raggiunge allo stesso modo i ricchi e i poveri: nessuno lo può brevettare.

Il film, che verrà presentato a Palermo durante la prossima edizione del Sole Luna Festival (16-22 settembre 2013) narra infatti la storia di alcune donne analfabete del Centro e Sud America che diventano “ingegneri solari” e portano la luce nelle loro case con una tecnologia pulita e all’avanguardia appresa in India, al Barefoot College che, dal 2012, Enel Green Power sostiene come primo finanziatore privato.

In questa “università per i poveri del mondo” di Tilonia, nel Rajasthan, ogni sei mesi arrivano circa 40 donne, spesso nonne, selezionate dallo stesso fondatore del College, Bunker Roy. Durante la loro permanenza queste donne, che spesso provengono da montagne alte e nevose e devono sperimentare i 40° del Rajastan, si misurano con difficoltà di tutti i tipi, soffrono per la separazione dai figli e dalla famiglia, parlano lingue diverse, mangiano cibi esclusivamente vegan. Sono tuttavia consapevoli dell’opportunità che viene data loro: viaggiano, conoscono il mondo, imparano e, piano piano, un passo alla volta, cominciano a capire come funziona un circuito elettrico e alla fine riescono a costruirlo e a smontarlo senza difficoltà.

Non passa in secondo piano l’emancipazione conquistata attraverso il “sapere” da queste splendide protagoniste che, come dice Bunker Roy, “partono dai loro villaggi come agnelli smarriti e tornano a casa come tigri del Bengala”. Infatti, al ritorno nelle loro comunità, diventano un punto di riferimento per diversi villaggi, donne di casa in grado di montare e smontare impianti elettrici, che ricevono compensi per le installazioni e per la loro manutenzione. La storia sembra girata di nascosto, la naturalezza e la semplicità delle donne le rende meravigliose attrici.

Ne parleranno, alla Casa del Cinema (Villa Borghese – Roma) a partire dalle ore 19 Duilio Giammaria, Bunker Roy, fondatore del Barefoot College, Francesco Starace, amministratore delegato di Enel Green Power, e Lucia Gotti Venturato, presidente dell’Associazione Sole Luna-Un ponte tra le culture.

Exit mobile version