Arte e Cultura

Sicilia. Riserve ospitano progetto Ue della Fondazione Falcone

Il volontariato e la mobilità internazionali possono essere dei formidabili strumenti educativi rivolti ai giovani, aiutando a prevenire comportamenti devianti che, soprattutto in alcune realtà e contesti socio-culturali, aumentano il rischio di coinvolgimento nella criminalità organizzata.

Da questo assunto è partita la Fondazione “Giovanni e Francesca Falcone” per realizzare, con diversi partner pubblici e privati di Italia, Repubblica Ceca e Spagna il progetto “Da vittime di violenza ad attori di nonviolenza”, realizzato nell’ambito del programma comunitario Daphne.

Il progetto, sostenuto dal Centro per la Giustizia Minorile della Sicilia e da Sicindustria, vede fra i partner l’Associazione InformaGiovani e la LIPU, che proprio in questi giorni stanno realizzando alcune attività all’interno delle riserve naturali di Isola delle Femmine, Gela e Priolo, coinvolgendo circa 30 volontari italiani e stranieri e, fra questi, un gruppo di giovani provenienti dall’area penale.

Le finalità e le attività del progetto saranno illustrate il prossimo martedì 30 luglio alle 11 nel corso di tre conferenze stampa che si svolgeranno simultaneamente a Isola delle Femmine, a Gela e a Priolo.

Agli incontri con i giornalisti parteciperanno rappresentanti della Fondazione Falcone e di tutti i partner coinvolti, oltre ovviamente ai ragazzi e alle ragazze che in questi giorni svolgono attività di volontariato all’interno delle riserve.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button