Politica

Sicilia, greggio del petrolchimico di Gela arrivato fino ad Acate. La denuncia del M5S

Vanessa Ferreri

“Sabato mattina alcuni attivisti di Gela ci hanno segnalato la fuoriuscita di circa 400 litri di petrolio greggio che dal petrolchimico di Gela si è riversato in pieno mare. Il greggio, sospinto dal vento, ha raggiunto la spiaggia della foce del fiume Dirillo nei pressi di Marina di Acate.

Lo sversamento è stato causato da un foro sulla condotta lungo il pontile che collega la Raffineria ENI alle navi petroliere”. La denuncia arriva da Vanessa Ferreri, portavoce 5 Stelle all’ Ars, e Aurora Guccione consigliere M5S ad Acate.

“Siamo subito andati di persona a controllare la situazione; là abbiamo trovato alcuni operai dell’ENI e il maresciallo della Capitaneria di Porto, i quali con una ruspa e delle reti cercavano di “bonificare” la zona colpita dall’ “onda nera”. Abbiamo avvisato il comandante dei Vigili Urbani di Acate e divulgato la notizia”.

“La situazione è diventata ormai insostenibile: sistematicamente il nostro mare e le nostre coste vengono martoriate dalle conseguenze degli incidenti che si verificano nel petrolchimico di Gela, incidenti che si ripetono con una frequenza sempre maggiore, basti pensare che questo è il secondo nell’arco di 6 mesi.

Tutta la zona adiacente è stata dichiarata, da quasi 23 anni, a rischio ambientale dal Ministero dell’Ambiente e dalla Regione Sicilia, ma del piano di risanamento per il quale sono stati stanziati sino ad oggi quasi 30 milioni di euro poco e niente si è fatto.

Abbiamo denunciato questo ennesimo disastro ambientale a tutte le autorità competenti e chiederemo durante il prossimo Consiglio Comunale al Sindaco di interessarsi in maniera decisa e improrogabile al caso.

Ci sono tutti i presupposti per chiedere, ai sensi dell’articolo 452-quater del codice penale, un risarcimento danni all’ENI per danni ambientali e pericolo per la salute pubblica.

Nell’attesa che la notizia venga ripresa dagli organi di stampa ci chiediamo se sia normale non averne letto finora nulla e se questa non sia la prima volta che il silenzio insabbi un episodio del genere.”

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com