Primo Piano

Sicilia e Tunisia per Miss Mediterranèe: vince Nezha Wahib

La vincitrice Nezha Wahib

Nella splendida cornice dell’hotel Vincci Taj Sultan ad Hammamet, in Tunisia, domenica 28 aprile 2013 è andata in scena la finalissima del concorso internazionale di bellezza e talento “Miss Mediterranèe”, che premia la più bella del Mediterraneo.

La reginetta del concorso, che ha messo a confronto le bellezze siciliane e quelle maghrebine, è stata Nezha Wahib, marocchina che vive a Palermo. A contendersi l’ambizioso titolo di Miss Mediterranèe non erano solo le finaliste provenienti dalla Sicilia, ma anche le ragazze più belle degli altri Paesi del Mediterraneo che hanno aderito all’evento, come la Tunisia, l’Algeria e il Marocco.

Miss Mediterranèe, nato da un’idea di Sami ben Abdelaadi, sotto la guida del direttore artistico Christian Carapezza e con la partecipazione di Luca Lo Bosco, è una manifestazione interculturale di arte, moda, turismo e spettacolo, che nasce dalla voglia di creare un punto di incontro tra la Sicilia e gli altri Paesi del Mediterraneo soprattutto per valorizzare i talenti della cultura made in Sicily. Su questa scia l’assessore alle Risorse agricole e alimentari Dario Cartabellotta ha dato vita al progetto “Tutela e valorizzazione delle risorse genetiche Born in Sicily per l’agricoltura e l’alimentazione”, volto alla tutela e alla salvaguardia delle migliori produzioni siciliane di qualità, dal vino alla frutta, dall’olio agli ortaggi.

Puntare sul prodotto “Born in Sicily”  significa valorizzare non solo un marchio commerciale, ma esportare la cultura della nostra isola, legata a progetti di più ampio respiro. In questo piano rientra perfettamente il concorso Miss Mediterranèe, che ha tra i suoi obiettivi l’incontro di culture di popoli differenti, l’interscambio di ‘ know-how’ tra imprese del settore e non, la divulgazione del brand made in Sicily – che sicuramente farà parlare di sé nel prossimo futuro. Il concorso è stato anche un momento strategico per conoscere luoghi storici e culturali, usi, consumi e nuove tendenze.

A presentare la serata c’era Sondes Jamai. Giuria d’eccezione composta da 5 membri italiani e 5 tunisini tra cui il presidente del concorso Sami ben Abdelaadi, il vicepresidente l’imprenditore Franco Greco, l’editore Francesco Panasci, il giornalista Fabrizio Foderà, l’editore Giovanni Amato, Emna Ben Miled – Tunisconseils – , Dorra Ellouze – Ufficio Nazionale del Turismo Tunisino -,  Rami Jebali – Ministero del turismo – , Ridha Habazi – Direttore Generale Vincci taj Sultan -,  Aida Antar – Presidente concorso Miss Tunisia.

Tra i partner ufficiali del concorso: Assemblea Regionale Siciliana, Assessorato Politiche Agricole e alimentari della Regione Sicilia, Ente Nazionale del Turismo Tunisino, Tunisair express, Carthage Travel e con la collaborazione delle emittenti televisive Canale 1 e 2 Tunisia (nazionali) e le siciliane ZeroNoveUno Tv, Cts, Network I Vespri, Tvt. Per la carta stampata: Circus Magazine, Cult Magazine, Palermo In Tasca.

*Partirà subito la nuova edizione di Miss Mediterranèe in una delle straordinarie cornici naturali della nostra amata Sicilia, occasione imperdibile per ricambiare affetto, cordialità e accoglienza dei nostri ‘vicini di casa’.

Francesco Panasci

Francesco Panasci

Giornalista ed Editore ma anche musicista e produttore.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com