Economia e LavoroPrimo Piano

Sicilia: assunti 13 nuovi testimoni di giustizia

Il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta ha fatto sapere che i dirigenti del dipartimento Funzione Pubblica hanno provveduto alla stipula dei contratti di assunzione di 13 testimoni di giustizia siciliani che hanno denunciato il racket e la mafia.

Soddisfatto il presidente Crocetta che ringrazia anche “il Parlamento siciliano per avere varato, unica Regione d’Europa, una legge che testimonia la solidarietà della Regione siciliana a favore di quanti si sono esposti rischiando la vita per amore della giustizia nei tribunali a fare nomi e cognomi dei loro carnefici. Fatti come questi – continua il presidente – dimostrano che la nostra non è un’antimafia parolaia ma quella concreta che giorno dopo giorno non solo effettua denunce, ma fatti che trasformano la Sicilia e danno un duro colpo alle mafie. Alcuni di tali testimoni sono stati costretti a cambiare identità per non essere identificati  dai mafiosi. Con l’assunzione, la Regione, sulla base di una convenzione con il Ministero dell’Interno, ha segretato i nomi dei 13 testimoni che si aggiungono ai 13 precedentemente assunti e a tenere riservato il luogo dove essi opereranno. I testimoni, infatti, oltre che lavorare in Sicilia potranno anche essere impiegati in prefetture, uffici giudiziari di altre regioni. Credo – aggiunge Crocetta – che sia la risposta più chiara e netta di cosa intendiamo per lotta alla mafia”.

Va ricordato che i testimoni di giustizia non sono i pentiti, ma vittime innocenti del sistema mafioso e del racket, che si sono ribellati.

“ Voglio ringraziare tutti i lavoratori del dipartimento  Funzione Pubblica che hanno lavorato tanto e la Segreteria generale diretta dalla dottoressa Monterosso, che ha intrattenuto i contatti in modo particolare col Servizio Centrale di Protezione”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button