Economia & Lavoro

Sicilia, accordo Termini Imerese-Ciapi per progetto “Spartacus”

Foto internet

Il Comune di Termini Imerese ha concesso in comodato d’uso al Ciapi di Priolo Gargallo alcuni locali comunali per consentire lo svolgimento delle attività previste nel progetto regionale Spartacus e che comporterà l’utilizzo di n. 14 risorse umane.

Le attività saranno svolte da 14 addetti e dureranno fino al mese di aprile 2014.

“I locali dati in concessione – ha dichiarato l’assessore al Patrimonio Vincenzo Fasone – sono ubicati in via Garibaldi ex Caserma La Masa e presso la biblioteca comunale Liciniana sempre in via Garibaldi, in una delle stanze occupate attualmente da Imera Sviluppo. Il comodato d’uso gratuito comprende le spese di gestione e consumi dei servizi a rete, in cambio dei quali il personale del Ciapi offrirà: attività di supporto alla selezione dei cantieri di servizio approvati dall’Assessorato Servizio Risorse Umane e Sviluppo Organizzativo; attività di supporto allo sportello Silla del Comune di Termini Imerese e alle attività svolte da Imera Sviluppo”.

Il CIAPI è un ente strumentale della Regione siciliana autorizzato dalla C.E. ad operare in House Providing. Eroga interventi di politica attiva del lavoro attraverso uno specifico progetto per cui è previsto uno stanziamento di 36 milioni di euro. La convenzione firmata dai due enti , che sarà sottoscritta nei prossimi giorni, prevede un impegno del CIAPI a contribuire a creare una rete tra soggetti istituzionali pubblici, finalizzata a contenere il fenomeno della esclusione sociale e facilitare sul territorio i servizi di Politica Attiva del Lavoro. Le 14 unità saranno indicate in uno specifico elenco predisposto dal Ciapi.

Il progetto Spartacus prevede attività come: accoglienza, orientamento individuale e professionale, accompagnamento al lavoro. I destinatari del progetto sono soggetti destinatari di misure di promozione nell’inserimento nel mercato del lavoro, lavoratori svantaggiati e disabili; soggetti destinatari di ammortizzatori sociali in deroga; lavoratori in mobilità già espulsi dal mercato del lavoro. Giovani di età inferiore ai 29 anni che hanno effettuato percorsi formativi o disoccupati e ancora neo diplomati e neo laureati. Le prestazioni previste dalla convenzione non comportano alcun onere economico né per il Comune né per il CIAPI. Le parti sono impegnate a consentire attività di collaborazione alle persone coinvolte, l’accesso alle strutture, l’uso di attrezzature utili all’espletamento delle varie attività svolte.

Il sindaco di Termini Imerese, Totò Burrafato, è tornato ad esprimere apprezzamento per l’azione del governo Crocetta che sta rivoluzionando le politiche della formazione in Sicilia ispirandola ai criteri di trasparenza e di legalità. “Questo percorso di radicale transazione dal vecchio modello di formazione – ha concluso il primo cittadino – deve tuttavia tenere conto dei lavoratori che debbono essere salvaguardati e non possono pagare il costo della mala gestione che negli anni scorsi ha contrassegnato la formazione in Sicilia. Da qui la scelta dell’Amministrazione comunale di ricercare una positiva collaborazione per assicurare i regolare svolgimento delle attività oggetto della convenzione”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: