Cinema-Teatro-Musica

Sicilia, a Le Zagare debutta “Ritratto di un’Isola” di Nicola Costa

“Ritratto” è certamente il nome che meglio di qualunque altro si sposa con il contenuto ed il messaggio di questo spettacolo che, dalla data del primo debutto (a Taormina nel lontano 2004) ad oggi, ha fatto registrare diverse decine di repliche in giro per i teatri italiani ma anche nelle scuole, carceri, comunità, sempre accompagnate da unanimi consensi di pubblico e critica.

Costa, catanese puro sangue, attore-regista, drammaturgo e dal 2010 anche Direttore Artistico dell’Accademia d’Arte Drammatica “Giovanni Grasso” di Catania, vanta un curriculum di prim’ordine che lo ha meritatamente portato alla ribalta nazionale per il suo modo di far teatro, tecnicamente ineccepibile, emotivamente forte e accattivante. Basti pensare ai numerosi riconoscimenti cumulati in carriera: dal Premio Europeo di Poesia e Drammaturgia di Piediluco (Terni) nel 2002 con il testo dello spettacolo “Elgema”, alla segnalazione della critica al Garcia Lorca di Torino per il suo “Via De Logu, 30”; dal Premio Nazionale “I Fiumi” conferitogli nel 2003 a Venezia per lo spettacolo “La Porta” sino al più recente Premio Aci e Galatea per il teatro 2007 riservato alle personalità artistiche che con il loro impegno hanno contribuito ad esportare un’immagine delle Sicilia artisticamente vincente. Inoltre, nel Febbraio 2012 è stato insignito del titolo di Socio Onorario del Parlamento della Legalità e ricevuto alla Camera dei Deputati di Montecitorio.

In “Ritratto di un’Isola”, lo spettacolo in scena all’anfiteatro del parco commerciale LE ZAGARE di San Giovanni La Punta, Costa propone una sorta di viaggio nella letteratura siciliana attraverso i versi di quelli che lui stesso ama definire “Padri”, ovvero i poeti ed i narratori che con la loro opera e talvolta con il loro sacrificio, hanno permesso a questa antica Trinacria, da sempre tormentata ed offesa dalle tante dominazioni e da altrettante violenze, di raccontare la sua storia plurisecolare. Omero, Teocrito, Lucrezio, Goethe, Quasimodo, Pirandello, Sciascia, Tomasi di Lampedusa, Fava, sono solo alcuni tra i più celebri autori che trovano risalto tra i versi di uno spettacolo rappresentato con sentito orgoglio siciliano.

Costa scalpita sul palcoscenico, emoziona, cattura l’attenzione del pubblico passando da un personaggio all’altro con straordinaria naturalezza e brillante capacità artistica; rilancia la trasparenza dell’animo dei siciliani per bene, la loro realtà ed il proprio modo di essere e di vivere la quotidianità, i sentimenti, ma non omette di confrontarsi anche con l’aspetto più ombroso della sua isola, quello legato ai fenomeni criminali, alla manovalanza mafiosa comandata a distanza dai padrini di Cosanostra con la frequente complicità della classe politica, non solo isolana, ma anche e soprattutto italiana. Condanna con eleganza e senza alcuna demagogia quella politica che ha saputo offendere l’onestà di una terra e dei suoi valori, che ha ucciso per poche lire chiunque non rientrasse nei piani di un progetto malavitoso e distorto da cui, oggi come allora, i veri siciliani hanno sempre preso le distanze. Gli stessi che rivivono grazie alla potenza e all’autenticità di un esempio che non ha confronto con alcun reato mafioso: quello dei siciliani onesti.

In chiusura, c’è anche tempo per una sentita riflessione che l’autore indirizza al pubblico nel ricordo di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Peppino Impastato, Carlo Alberto Dalla Chiesa e Pippo Fava, perché il loro esempio non passi inosservato alle future generazioni.
“Una grande opportunità per l’arte teatrale si manifesta sempre incontrando privati ed imprenditori locali- afferma il regista- e la serata proposta a LE ZAGARE mi riempie di orgoglio ed emozione. Mi auguro che la gente di Sicilia sia disposta a crescere nella direzione della legalità”.

Ad affiancare Costa sulla scena ci saranno Luciano Cucinotta, Mariarosa Sicali, Giada Caponetti, Raffaele Santangelo, Federica Genovese, Ornella Bennato ed Eleonora Lipuma nel ruolo di assistente alla regia e direzione delle luci, tutti bravi e perfettamente diretti a suggellare uno spettacolo che rappresenta un appuntamento da non perdere e che, ancora una volta, non mancherà di emozionare il pubblico presente.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button