Economia e LavoroPrimo Piano

Si.Lab, Lagalla: Stimolare il confronto per un cambiamento possibile. Volgere uno sguardo alla realtà dei territori.

20 “Green Paper” e 7 tavoli tematici.  Un sabato all’insegna dell’ amicizia per un confronto civile e produttivo tra università e cittadini.

A Palermo tra malessere e sfiducia,  a pochi giorni dal referendum, Roberto Lagalla riunisce “quattro amici” e da vita a un confronto con un unico obiettivo: mettere competenze e risultati del Si.LAB a disposizione delle politiche di sviluppo territoriale.

Pubblico - Roberto Lagalla - Villa Malfitano - Palermo
Pubblico – Roberto Lagalla – Villa Malfitano – Palermo

Sviluppo produttivo di un territorio di cui si è persa memoria per colpa di molteplici smemorati o finti tali.

Il Si.LAB, Centro Interdipartimentale e Laboratorio per lo sviluppo regionale e locale in Sicilia dell’Università degli Studi di Palermo dedicato alla memoria di Alberto Tulumello, ha reso noto i suoi risultati e si presenta alla società civile ed economica della Sicilia stimolando la fiducia dei partecipanti.

E’ accaduto oggi a Villa Malfitano a Palermo nella sala convegni piena come un uovo.

Il comunicato di lancio recitava:

“Nella transizione verso un nuovo modello di sviluppo più sostenibile e più equo, dopo che la crisi ha evidenziato gli errori di precedenti scelte, basate su debito pubblico, spesa improduttiva e ineguaglianze sociali, la Sicilia, insieme al Sud, è chiamata a proporsi come nuovo soggetto geopolitico a patto che avvii un percorso alimentato da una visione del futuro più ricca e complessa. Il Mezzogiorno può contribuire ad una proposta di sviluppo dell’Italia attingendo alla sua millenaria sapienza e alla sua stratificata identità, alle sue  identità culturali e al suo capitale umano.

E’ questo lo scenario in cui si colloca il Si.LAB, uno strumento di ricerca applicata con l’obiettivo di elaborare indirizzi di pianificazione strategica, progettazione integrata e programmazione economica e sociale per la Sicilia.”

“L’obiettivo – ha spiegato il direttore del Si.LAB Roberto Lagalla – è mettere le competenze e i risultati della ricerca universitaria a disposizione delle politiche di sviluppo territoriale, quindi degli enti locali e dei loro amministratori. Il Centro – concludendo – si alimenta delle risorse, delle vocazioni e delle eccellenze territoriali, puntando sulla specializzazione e sull’innovazione dei luoghi, promuovendone l’evoluzione e diventando fattore di competitività della regione, motore culturale della crescita della società, moltiplicatore della produzione di qualità e principale innovatore dello sviluppo”.

Pubblico - Villa Malfitano - Palermo
Pubblico – Villa Malfitano – Palermo

Quasi 4 ore intense di dibattito propositivo e costruttivo che ha le pretesa di trasformarsi presto in organizzazione di azioni e progetti fattibili e cantierabili in un lasso di tempo accettabile.

Assenti, o quasi assenti gli attuali politici che probabilmente non sono stati invitati.

Di fatto invece era la presenza di pubblico di qualità  molto attento e interessato.

L’incontro, guidato da Lagalla è risultato chiaro, dinamico e senza “pause” e il messaggio è apparso altrettanto chiaro: “Io ci sono e se ci crediamo insieme si potrà…ripartire”

Deduciamo quindi che dopo il referendum certamente capiremo meglio.

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button