Spazio Libero

Sferracavallo: l’abbraccio al mare e la voglia di partecipare

Foto pagina Facebook Il mare di Sferracavallo

Domenica mattina centinaia di persone si sono ritrovate sul lungomare di Barcarello. Adulti e bambini, mano nella mano, hanno formato una lunga catena umana. L’obiettivo: dire no allo scarico di acque reflue nel golfo di Sferracavallo e salvare la riserva marina di Isola delle Femmine – Capo Gallo, considerata “sito di interesse comunitario”.

L’iniziativa è partita dal comitato “Il Mare di Sferracavallo”, il cui gruppo Facebook ha superato i 2000 iscritti in pochi giorni, dopo l’incontro tra cittadini e amministratori del 9 febbraio scorso.
Alla protesta, pacifica e ordinata, hanno aderito Legambiente, le associazioni Marevivo e Vigliena, i sub dei diving e quelli dei vigili del fuoco.

Due le ragioni che l’hanno ispirata.

In primo luogo, la determinazione dirigenziale dell’ATO 1 n. 59 del 22/11/2012, relativa all’adeguamento dell’impianto di depurazione di Fondo Verde, alla quale si è pervenuti – si legge in premessa – «a seguito dei numerosi Tavoli Tecnici svoltisi sull’argomento presso la Provincia Regionale di Palermo, presso gli uffici del Commissario Delegato per l’Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia e presso l’Amministrazione Comunale».

In secondo luogo, la contrarietà all’opera, espressa dalle autorità territoriali presenti all’assemblea cittadina ma coinvolte nella determina, come ha rilevato Alessandra Bertoncini, residente nella borgata: «rimane da capire perché se i tavoli tecnici si sono svolti alla presenza delle autorità territoriali, nella ipotesi di progettazione non si sia tenuto presente, da subito, il fatto che ci si trovasse in un Area Marina».

Nel dubbio, gli organizzatori hanno deciso di dare «un abbraccio al mare» e per, «sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni», hanno esposto dei cartelli dal contenuto inequivocabile: «A mare non si butta niente… ma consentiamoci un’eccezione! Affondiamo questo folle progetto!».

Per Giuseppe Mercadante, che su Facebook ha ringraziato «tutti quelli che sono venuti dagli altri quartieri della città», l’obiettivo è stato raggiunto.

Alessandro Arcobasso

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: