CronacaPrimo Piano

Sette dipendenti dell’Istituto Sperimentale Zootecnico per la Sicilia denunciati per assenteismo

Nella giornata di sabato 26 luglio, a Campofelice di Fitalia (PA), i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato per assenteismo sette dipendenti dell’Istituto Sperimentale Zootecnico per la Sicilia.

Dopo mesi di controlli incrociati i Carabinieri della Stazione di Campofelice di Fitalia (PA) sono riusciti ad accertare alcune incongruenze sui registri delle presenze dell’Istituto Sperimentale Zootecnico per la Sicilia. Sette dipendenti infatti, in diverse occasioni, pur risultando presenti ed in servizio, si trovavano in realtà in altri luoghi rispetto a quello lavorativo, in alcuni casi anche fuori regione.

L’indagine è scaturita da un normale accertamento stradale, nel corso del quale i militari hanno controllato uno dei dipendenti dell’istituto durante un posto di controllo sulla statale per Campofelice. Il controllo, effettuato in orario di lavoro, ha destato alcuni sospetti nei Carabinieri che, conoscendo i dipendenti e gli orari di lavoro dell’Istituto, hanno reputato inusuale che lo stesso si trovasse alla guida in quel luogo ed in quell’orario.

Da quel primo accertamento empirico ne è scaturita una certosina verifica del registro delle presenze dell’ente negli ultimi anni, e dai riscontri incrociati effettuati si è potuto verificare come sette dipendenti, in date ed orari in cui risultavano presenti al lavoro, erano inequivocabilmente in luoghi diversi rispetto al luogo di lavoro. Da qui la denuncia a piede libero per falsa attestazione in servizio  (c.d. legge Brunetta) e truffa (i dipendenti avrebbero percepito indebitamente lo stipendio per le giornate in questione).

Nella giornata di oggi sono state notificate ai dipendenti le informazioni di garanzia ed anche l’ente regionale è stato messo a conoscenza in quanto parte lesa. In caso di condanna, salvo patteggiamento o rito abbreviato, gli indagati rischiano fino a 5 anni di carcere, oltre che le sanzioni disciplinari previste che, in questo caso, possono arrivare fino al licenziamento per giusta causa.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button