Primo PianoSport

Serie C. Sofferta vittoria casalinga del Palermo per 3 a 2 contro la Cavese

Dopo un intero campionato  vissuto fra gioie e amarezze  abbiamo  la consapevolezza di avere in squadra giocatori anche di talento ed interscambiabili , molti giovani faranno parlare di se, ma non basta. Ci sono  dei vuoti improvvisi nei quali gli avversari si insidiano e  lo dimostrano i due goal subiti dalla Cavese.

Probabilmente a questa   squadra per completarla e arricchirla quindi renderla competitiva manca ancora qualcosa.

Nonostante  tutto arriva una sofferta vittoria per 3 a 2 contro la Cavese che  ristora il gruppo per i play off nell’ultima gara casalinga della stagione regolare e resta in corsa per il settimo posto che sarebbe importante in chiave play-off in quanto permetterebbe alla squadra di Filippi di giocare il primo match in casa e per due risultati su tre.

Al 9′ Cavese in vantaggio: grossolano errore di Accardi che nell’area piccola non riesce a rinviare il pallone e lo regala a Bubas il quale non puo’ fare altro che insaccare. Il Palermo si tiene in avanti e spreca tanto, ma al 27′ pareggia: errore del portiere Kucich che respinge corto sulla linea di porta dove c’e’ Edoardo Lancini che mette dentro; nell’occasione l’estremo difensore campano sbatte contro il palo, si fa male alla spalla e deve lasciare il campo in barella; al suo posto Russo. Al 32′ i rosanero ribaltano la situazione: De Rose mette il pallone in mezzo all’area e trova tutto solo Valente che con il piatto al volo infila Russo. Nella ripresa il Palermo continua a sprecare e la Cavese pareggia al 31′ con Matera che sfrutta una nuova incertezza della retroguardia di casa e con un tiro ravvicinato batte Pelagotti. Il festival degli errori non e’ finito e al 38′ premia il Palermo: il portiere Russo sbaglia il rinvio e con un rimpallo la palla finisce a Rauti che entra in area e mette a segno il gol del definitivo 3-2. (fonte ITALPRESS).

 

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button