Economia & LavoroPrimo Piano

Seminario sullo Statuto Siciliano, “serve una riforma coerente e attuale”

Una platea attenta e interessata ha animato il dibattito del seminario su “Origini ed attualità dello Statuto Siciliano” auspicando una istituzione autonomistica responsabile, in linea con le riforme di più alto rango e la società attuale.

Il seminario, svolto  all’hotel Addaura a Palermo da venerdi a domenica, è stato organizzato dall’Associazione ex parlamentari siciliani, presieduta da Rino La Placa, e coordinato dal professore Salvatore La Rosa dell’Università degli Studi di Palermo. Giovani laureati under 35 hanno affrontato per tre giorni uno dei temi caldi dell’agenda politica insieme a ex parlamentari e accademici.

«Con il seminario i giovani hanno capito qual è stato in Sicilia il ruolo della classe dirigente con esplicito riferimento al potere esecutivo, al potere legislativo e al potere della burocrazia. Quanto lo Statuto Speciale sia stato uno strumento reale di crescita o piuttosto un vincolo. – ha detto il professore Salvatore La RosaL’obiettivo fondamentale – ha aggiunto – è stato quello di far accostare le nuove generazioni alla politica offrendo argomenti di riflessione in grado di rispondere positivamente all’antipolitica».

Divulgare la conoscenza della storia e degli aspetti legislativi della normativa statutaria siciliana, formare coscienze critiche e riflettere sull’attualità dello Statuto regionale, è stato l’impegno assunto nel corso delle giornate di lavoro.

Un focus in particolare è stato dedicato all’autonomia finanziaria regionale di cui agli articoli 36, 37 e 38.

Tra gli elementi più dibattuti la necessità di una revisione dello Statuto in linea non solo con l’evoluzione del contesto sociale e legislativo, ma soprattutto in linea con l’appartenenza all’Europa e con la centralità nel Mediterraneo.

Uno Statuto che, persa la specialità degli anni del secondo dopoguerra, richiede una revisione contestualizzata e coerente che lo renda effettivamente applicabile. Uno Statuto che vuole una identità del popolo siciliano e una classe dirigente competente e responsabile. Uno Statuto in cui la Regione abbia un ruolo di programmazione, controllo e indirizzo, e snellisca le funzioni meramente amministrative, volgendo lo sguardo verso quelle di strategia e di politica attiva. Uno Statuto in cui i ruoli del parlamento e quelli rappresentativi siano ben definiti e coordinati con il Paese.

«Nella prospettiva di una compiuta realizzazione del nuovo sistema delle autonomie, previsto dalle modifiche costituzionali non ancora attuate – ha detto il presidente Rino La Placale ragioni della specialità devono confrontarsi con l’ordinarietà delle altre Regioni per evitare di motivare inutili e dannose criticità, origine di disfunzioni e sprechi».

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: