Scuola & Università

Scuola: sito del Miur in tilt, lamentele dei genitori palermitani

Foto internet

Mentre il ministero esprime “grande soddisfazione per l’avvio del processo di registrazione telematico che consente alle famiglie di effettuare le iscrizioni alla scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado esclusivamente in rete”, fioccano lamentele da parte delle famiglie  presso le  segreterie delle scuole di Palermo.

In prima istanza molti genitori lamentano il fatto che il sito non sia ancora disponibile, a seguito della valanga di accessi, più di un milione e mezzo nella giornata di ieri, che ha mandato il sistema in tilt e che il server non ha saputo supportare pur essendo, come emerso da fonti del ministero,  tarato per 60 mila accessi al minuto. Inoltre molti di loro dichiarano di non possedere un computer e altri dichiarano di non potersi permettere l’accesso ad internet, sottolineando una seria difficoltà di fronte ad un provvedimento, che ha lo scopo di facilitare la modalità d’iscrizione.

A tal proposito le segreterie confermano quanto dichiarato dai genitori ed esprimono non pochi dubbi a riguardo.

Gli addetti alla segreteria della scuola Perez lasciano intendere che non sia cambiato molto, ma che in questo modo dovranno effettuare il carico dei dati relativi all’iscrizione due volte. Difatti, dopo l’acquisizione delle domande cartacee,  dovranno caricare le stesse nel sito del ministero e poi trasferirli nel sistema interno gestionale da loro utilizzato. Al fine di supportare le famiglie in questa impresa multimediale, molte segreterie hanno disposto un ufficio d’assistenza per i genitori.

Il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo dal canto suo dichiara : “Tutto procede per il meglio e non rileviamo alcuna difficoltà, si è trattato solo di un piccolo rallentamento”.

Giovanni Biondi, capo dipartimento del Miur, lancia un messaggio di appello alle  famiglie di mantenere la calma e in tema di scelta della struttura formativa precisa che “non si acquista alcuna priorità» ad iscriversi prima e che i criteri di selezione delle domande non  sono legati all’ordine di acquisizione, ma alla residenza della famiglia e che per iscriversi c’è tempo fino al 28 febbraio.

Francesca Del Grosso

Related Articles

2 Commenti

  1. Non disperate “per iscriversi c’è tempo fino al 28 febbraio” quindi avete piu di un mese per cercare di diventare cechi davanti al vostro PC

  2. invito Francesco Profumo e Giovanni Biondi a stare 2 giorni cercando di fare iscrivere i loro figli a scuola (io Ne Ho Due da Iscrivere) e non concludere ancora niente “RIPROVA PIU TARDI SITO NON DISPONIBILE o via dicendo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com